Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Aprire un conto corrente, ecco come trovare quelli più vantaggiosi
di Jessica Marzella

Sono numerosi gli italiani che decidono di aprire un conto corrente. Sia che provenite da un’altra banca, o che sia il vostro primo conto, ecco i più vantaggiosi

Tags: Confronto Conti Correnti, Banca, Bnl, Intesa San Paolo, Banca Mediolanum, Fineco, CheBanca!, WeBank, SuperMoney



Aprire un conto corrente, prima o poi, è un’operazione che riguarda la maggior parte degli italiani. Sia che si scelga una banca tradizionale, come BNL o Intesa San Paolo, sia che si preferisca la banca online Fineco o CheBanca!, per decidere consapevolmente qual è il conto più vantaggioso per le proprie esigenze è necessario valutare alcuni fattori.
 
Confrontare tra di loro le offerte che gli istituti di credito propongono per capire qual è il conto corrente più vantaggioso è sempre necessario per chiunque voglia aprire un nuovo conto. Bisogna ricordarsi di calcolare principalmente quelle che sono le proprie esigenze. Ad esempio: vogliamo una carta di credito abbinata al conto corrente? Vogliamo far accreditare lo stipendio o la pensione sul conto? Quanto denaro prevediamo di gestire tramite il conto?
 
Bisogna poi valutare le spese che si dovranno sostenere per la gestione del conto, così da avere un’idea concreta della sua convenienza. I costi fissi, ad esempio, sono quelli da sostenere per le spese di apertura del conto, per il pagamento dell’imposta di bollo e il canone mensile. Se si sottoscrive in conto corrente online, molto spesso non si pagheranno né spese di apertura né di gestione. Ci sono poi dei costi variabili, che dipendono dalle operazioni effettuate tramite il conto e dai servizi che si utilizzano di mese in mese. Infine, bisogna considerare il tasso creditore e il tasso debitore. Il primo comprende gli interessi che la banca paga ai correntisti (attenzione, sugli interessi lordi ricevuti di dovrà applicare una ritenuta fiscale del 27%).
 
Il tasso debitore, invece, si applica in caso di scoperto del conto e in genere è molto alto. Una volta valutate queste voci, si può finalmente procedere con il confronto. Ipotizziamo quindi che il nostro utente tipo voglia un conto corrente con carta di credito abbinata, sul quale accreditare lo stipendio. Si prevede un utilizzo medio del conto con 3mila euro di saldo.
 
Effettuiamo il confronto tramite il portale di comparazione online SuperMoney. In base a questi parametri, il conto corrente attualmente più vantaggioso è il Conto WeBank. Si tratta di un conto corrente a zero spese: non ci sono costi di apertura e gestione né un canone mensile da pagare. Il conto WeBank è un conto che si gestisce completamente online, ma per qualunque dubbio o problema ci si può rivolgere a un call center attivo 24 ore su 24 tutti i giorni. A seguire troviamo il Conto Corrente Online di CheBanca!.
 
Anche in questo caso non sono previsti costi di apertura o gestione né un canone mensile. Tramite il sito internet della banca si potranno effettuare un numero illimitato di operazioni gratuite, mentre quelle effettuate in filiale sono a pagamento.
 
Infine, tra i conti più convenienti c’è Freedom One di Banca Mediolanum. Il canone mensile ha un costo di 90 euro che però viene azzerato se si decide di accreditare sul conto lo stipendio o la pensione. Anche le operazioni effettuate con la carta di credito sono gratuite se si accredita il proprio stipendio sul conto corrente.
 
Da questo confronto emerge che i conti correnti online sono sicuramente più vantaggiosi rispetto a quelli aperti presso un istituto di credito tradizionale. Il fatto che si possano gestire completamente tramite l’home banking, senza doversi recare in filiale per avviare le pratiche di apertura o effettuare delle operazioni, riduce notevolmente i costi che la banca deve sostenere, vantaggio che l’istituto può trasferire ai clienti.

Articolo pubblicato il 12 dicembre 2013 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus