Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Catania - Anche Catania ha adottato il bilancio Preventivo 2013
di Melania Tanteri

Giuseppe Girlando: “Documento ingessato, pochi margini di manovra”

Tags: Catania, Bilancio, Giuseppe Girlando, Enzo Bianco



CATANIA - Via libera al Bilancio di previsione per l’anno 2013. Superata la prima scadenza del 30 novembre, l’assise cittadina è riuscita a discutere e approvare il documento di programmazione economica dell’Ente a pochi giorni dal termine ultimo del 31 dicembre. Sono state necessarie due convocazioni, per permettere all’assessore al ramo, Giuseppe Girlando, di illustrare la proposta dell’amministrazione all’aula, e per incardinare il dibattito in aula terminato, ma alla fine, ieri mattina, l’assemblea si è espressa, approvando con 26 voti a favore e 6 astenuti il Bilancio di previsione.

Una “sorta di consuntivo”, come lo ha definito lo stesso Girlando, data l’approvazione a pochi giorni dalla fine dell’anno, che di fatto cristallizza quanto posto in essere prima dall’ex sindaco Stancanelli e, da giugno in avanti, dall’attuale amministrazione targata Enzo Bianco. “Il documento è ingessato – ha spiegato - e non consente molti margini di manovra”.
 
Consapevolezza, questa, condivisa dall’aula che ha di fatto riconosciuto l'impossibilità di agire sul documento in questione, impegnando però l’amministrazione comunale a intervenire sul documento di previsione per il 2014, attraverso la presentazione di 7 ordini del giorno, poi votati dal Consiglio, che impegnano sindaco e Giunta a dare priorità ad alcuni argomenti che, per via dei vincoli estremamente rigidi imposti dal Piano di rientro, non è stato possibile inserire nel bilancio 2013. Tra questi, l’ordine del giorno bipartisan, presentato dall’intera commissione permanente al Bilancio, presieduta da Vincenzo Parisi, che impegna l’amministrazione a votare l’atto di previsione economica dell’anno prossimo entro il 31 marzo.
 
“Il bilancio – ha concluso Girlando - è il momento più importante del collegamento tra azione dell’amministrazione e l’attività del Consiglio comunale e il dibattito in aula ha dimostrato una forte responsabilità e serietà da parte di tutti i consiglieri. Sono certo che il medesimo impegno ci sarà nel lavoro che faremo a breve sul Bilancio preventivo 2014, il primo vero della nuova amministrazione”.

Articolo pubblicato il 24 dicembre 2013 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐