Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Raddoppiano i poveri, sparisce il posto fisso
di Redazione

I dati Istat, Inps e ministero del Lavoro. Cenone in assoluto risparmio

Tags: Lavoro, Economia, Istat, Inps



ROMA - I poveri in senso assoluto sono raddoppiati dal 2005 e triplicati nelle regioni del Nord (dal 2,5% al 6,4%). Lo rivela il Rapporto sulla coesione di Istat, Inps e ministero del Lavoro. “Nel 2012 l'indicatore sintetico 'Europa 2020', che considera le persone a rischio di povertà o esclusione sociale, ha quasi raggiunto in Italia il 30%, soglia superata, tra i paesi dell'Europa a 15, solo dalla Grecia. Nel 2012 - prosegue lo studio - è in condizione di povertà relativa il 12,7% delle famiglie residenti in Italia e il 15,8% degli individui: sono i valori più alti dal 1997”.

Sul fronte del lavoro invece nel 2012 la retribuzione mensile netta è di 1.304 euro per i lavoratori italiani e di 968 per gli stranieri. Rispetto al 2011, il salario “è rimasto quasi stabile per gli italiani (4 euro in più) mentre risulta in calo di 18 euro per gli stranieri”.
 
Il posto fisso è sempre più un miraggio, soprattutto per i giovani: “il numero medio di lavoratori dipendenti con contratto a tempo indeterminato nel 2013 è diminuito rispetto all'anno precedente (-1,3%). Il fenomeno ha riguardato soprattutto i lavoratori gli under 30, diminuiti del 9,4%”. E in questo senso le donne italiane non rischiano: prima il posto fisso e poi la famiglia. Nel 2012, infatti, fra le neo-mamme, il 91% ha un contratto a tempo indeterminato, mentre solo il 9% ne ha uno a tempo determinato.

Quasi un pensionato su due, il 46,3%, ha un reddito da pensione inferiore ai 1.000 euro lordi al mese; il 38,6% ne percepisce uno tra 1.000 e 2.000 euro. In totale, dunque, l'84,9% ha redditi pensionistici inferiori ai 2.000 euro lordi.

Sarà anche per questo che gli italiani, quest’anno, spenderanno in media 66 euro per il cenone di Capodanno e che quasi sette italiani su dieci (68 per cento) lo consumeranno a casa, divisi tra chi preferisce organizzare nella propria abitazione (28 per cento) e chi è stato invitato da amici o parenti (40 per cento). I dati emergono da un’analisi della Coldiretti/Ixè. In particolare - sottolinea la Coldiretti - il 47 per cento spenderà meno di 50 euro, il 26 per cento tra i 50 ed i 100 euro e il 14 per cento tra i 100 ed i 200 euro mentre una minoranza anche più di 200 euro.
 
Aumenta la presenza dei prodotti Made in Italy più tradizionali dal cotechino (+9 per cento) alle lenticchie (+9 per cento), dalla frutta locale di stagione (+11 per cento) allo spumante (+11 per cento) mentre – sottolinea la Coldiretti - calano le mode esterofile del passato pagate a caro prezzo come le ostriche (-2 per cento), il caviale (-1 per cento) e la frutta fuori stagione.

Articolo pubblicato il 31 dicembre 2013 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐