Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Consumare meno non sembra possibile
di Raffaella Pessina

I servizi di luce, acqua, caffetteria e servizi di ristoro più cari. Un call center esterno da cento mila euro in più



PALERMO - Da un primo esame del bilancio 2009 dell’Ars la crescita del 3% rispetto all’anno precedente risulta da alcune voci specifiche.
La spesa per le bollette e per il call center, ad esempio. è di ben 100 mila euro infatti l’aumento per luce e acqua consumata dal Parlamento. La somma, comunque, tiene conto di un debito relativo a bollette del 2007 e 2008. Cresce di 91 mila euro anche il costo del call center esterno che ha sostituito il centralino interno. La spesa è passata da 880 mila a 971 mila euro. Ogni anno si sa aumentano i prezzi dei beni di consumo, anche quelli alimentari. E così il Parlamento Regionale si è adeguato aumentando i servizi di caffetteria ed il servizio di ristoro. Così, la buvette parlamentare, nel 2009 assorbirà 550 mila euro contro i 490 mila dello scorso anno.

L’aumento sembra “commisurato ai consumi registrati nel 2008 oltre che ai recenti adeguamenti contrattuali”. Ricompare la Fondazione Federico II il cui finanziamento, di 300 mila euro, è stato inserito nel capitolo informatica e stampa e divulgazione dell’attività parlamentare. Aumenti anche a favore dei dipendenti dell’Ars, che usufruiscono oltre alle retribuzioni, di indennità di funzione e di risultato, di rimborsi spese, borse di studio e aggiornamento professionale, corsi di lingue o informatica. In questo capitolo si è registrato un aumento di ben 3 milioni e 500 mila euro giustificati dagli aumenti contrattuali e dalla necessità di colmare i vuoti in organico. Sono previste infatti 12 assunzioni  di coadiutori parlamentari vincitori del relativo concorso. Inoltre, nel 2008 “sono stati inseriti nei ruoli anche 15 unità di personale di varie carriere” con un incremento del 4%.

E come se non bastasse per il “personale non dipendente”,è stata stanziata una somma di 3.440 mila euro per pagare quei lavoratori che prestano servizio nelle segreterie particolari dei componenti del Consiglio di Presidenza, delle Commissioni e dell’Amministrazione sia attraverso contratti di collaborazione continuativa che consulenze occasionali. Potrebbe anche essere una modalità alternativa per remunerare temporaneamente personale che ha vinto il concorso per coadiutore e non è ancora stato ufficializzato, ma presta già servizio in Assemblea Regionale.

Articolo pubblicato il 17 settembre 2009 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento
  • Ars: aumenta la spesa di 5 milioni -
    Parlamenti. Sicilia a confronto con la Lombardia.
    Consiglio regionale Lombardia. La sostituzione di una caldaia consente un risparmio di 25 mila € l’anno. Riduzione del parco auto e tagli del 13,5% al fondo per consulenze studi e indagini.
    Assemblea regionale siciliana. Più cari la gran parte dei servizi, come ristorante e luce. “L’aumento di spesa è commisurato ai consumi registrati nel 2008 oltre che ai rinnovi contrattuali”.
    (17 settembre 2009)
  • Cascio assicura una contrazione dei costi del Parlamento - (17 settembre 2009)
  • Consumare meno non sembra possibile -
    I servizi di luce, acqua, caffetteria e servizi di ristoro più cari. Un call center esterno da cento mila euro in più
    (17 settembre 2009)
  • Gli obblighi contrattuali condizionano la spesa -
    Dalla Regione a disposizione 157,2 mln a fronte dei 71,8 in Lombardia. L’86 per cento sono uscite c.d. di carattere obbligatorio
    (17 settembre 2009)


comments powered by Disqus

´╗┐