Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia

"L'articolo 46 è la nuova Tabella H", denunciano i grillini
di Redazione

Si spacca il fragile asse tra Crocetta e il Movimento cinque stelle. "Praticamente è una nuova manovra, che rischia tra l'altro di sanare numerosi edifici abusivi in Sicilia"

Tags: Movimento Cinque Stelle, Crocetta, Ars, Finanziaria, M5S, Grillo, Grillini, Cancelleri, Sicilia, Tabella H



"Dopo la tabella H dello scorso anno, l’articolo 46 oggi. Tra le pieghe della Finanziaria una nuova porcata ad personam che bypassa le commissioni e mostra l’arroganza di questo Governo”. Il gruppo parlamentare all’Ars del Movimento 5 Stelle boccia senza mezzi termini “l’ultima trovata del Governo, che riscrive praticamente una nuova manovra, infilandoci di tutto, dalla norme urbanistiche al maxi mutuo da un miliardo e che ripesca pure norme cassate in commissione Bilancio, come quella che rischia di sanare numerosi edifici abusivi in Sicilia”.
 
“L'articolo - affermano i deputati - è composto da ben 70 commi, compresi gli aggiuntivi. E pretende di rifare il volto alle normative urbanistiche con pericolosissimi contraccolpi possibili per quanto riguarda la compatibilità con la Sicilia. È un articolo ad personam, o meglio ad personas, visto che è quasi possibile leggere il nome di un deputato dietro ad ogni comma”.
 
Per bloccare l'articolo i deputati M5S hanno presentato un emendamento soppressivo. Ma gli strali dei parlamentari del gruppo non si limitano solo all’articolo 46. Non è andato giù nemmeno il voto in Aula dell’articolo 6, quello che legiferava sui Comuni, che ha cassato tutte le norme virtuose in direzione dell’obiettivo rifiuti zero, tanto a cuore al Movimento.
 
“Il governo Crocetta - commentano i Cinquestelle - ribadisce la sua arroganza e prepotenza e mostra il suo vero volto attraverso la proposizione all'ultimo istante della vera Finanziaria, rinnegando la falsa disponibilità al dialogo mostrata in precedenza”.
 

Articolo pubblicato il 14 gennaio 2014 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus