Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Costa concordia a Palermo, "basta parole"
di Redazione

"Darebbe lavoro per tre mesi a 200 operai, Crocetta intervenga con decisione", chiedono i deputati all'Ars della Lista Musumeci

Tags: Musumeci, Crocetta, Costa Concordia, Cantieri Navali, Palermo



“Il governatore Rosario Crocetta intervenga convincentemente al ministero delle Infrastrutture affinché la proposta del porto di Palermo come destinazione finale del relitto della Costa Concordia diventi realtà”. Lo affermano i deputati regionali siciliani Nello Musumeci, Gino Ioppolo e Santi Formica in merito alla decisione sul porto nel quale fare rottamare la nave da crociera.
 
“A differenza degli altri porti italiani - sottolineano i tre parlamentari dell'Ars - quello palermitano non ha bisogno di alcun intervento di adeguamento, poiché dispone delle attrezzature idonee al tonnellaggio del relitto della nave, naufragata vicino l'Isola del Giglio e in cui persero la vita anche due siciliane. Non basta porre la questione e poi non seguirne gli esiti - osservano Musumeci, Ioppolo e Formica -, altrimenti il sospetto è legittimo: il presidente della Regione ne parla solo per ottenere il titolo dei giornali”.
 
“Egli deve credere possibile il risultato finale, in quanto il bacino di carenaggio del Cantiere navale di Palermo non ha bisogno di lavori di adeguamento, è vicino a Tunisi, dove il relitto dovrebbe essere smantellato nelle sue parti metalliche ma soprattutto perché - concludono i tre deputati - i lavori, i cui costi ammonterebbero ad oltre 500 milioni di dollari, darebbero lavoro per tre mesi a 200 operai del Cantiere navale di Palermo che attualmente sono in cassa integrazione”.
 

Articolo pubblicato il 14 gennaio 2014 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐