Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Fondi Ue: la Regione bocciata
di Massimo Mobilia

Dirigenti irresponsabili: in 7 anni certificati solo 6,3 mld sui 15,7 disponibili. Restano 2 anni per non perdere 9,4 mld. Spesa clientelare e inefficienza impediscono il cofinanziamento dei programmi europei

Tags: Unione Europea, Regione Siciliana



PALERMO - Il 31 dicembre 2013 si è ufficialmente chiusa la stagione del Programma operativo comunitario 2007-2013, ovvero gli ormai conosciuti fondi che l’Ue suddivide alle regioni continentali in virtù del loro livello di sviluppo. La Sicilia, in quanto regione “sottosviluppata” classificata dunque ad Obiettivo Convergenza, ha beneficiato di quasi 16 mld di euro, considerando tutti i programmi che insieme caratterizzano l'universo dei Fondi strutturali. Peccato però che questa manna dal cielo sia stata ancora una volta sfruttata ai minimi termini dalla Regione, e ci si ritrovi adesso - alla fine dei giochi - ad aver utilizzato soltanto poco più di un terzo di quanto disponibile, cioè circa 6,3 miliardi di euro pari al 40,5%. Tra le cause vi è soprattutto la mancanza di liquidità per il cofinanziamento dei programmi europei. La spesa clientelare (e l’inefficienza) continua invece a fare la parte del leone nel bilancio regionale. (continua)

Articolo pubblicato il 16 gennaio 2014 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐