Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

141 milioni disponibili in 3 anni ma il Bonus occupazione fa flop
In Sicilia in pochi hanno usufruito della contribuzione per assumere giovani prevista dalla L. 99/2013. Soltanto mille le istanze presentate, spesi appena 8 mln sui 28 messi a disposizione

Tags: Occupazione, Lavoro



PALERMO - Le opportunità per garantire occupazione giovanile e sgravare le spese ci sono ma in Sicilia neanche questi sistemi sembrano funzionare.

Sono 1.060 le domande aziendali presentate all’Inps per accedere al bonus per l’assunzione a tempo indeterminato di giovani under 30. I dati si riferiscono al periodo che va dal 1 ottobre al 27 novembre 2013, a seguito dell’apertura del “click day”, lo strumento telematico con cui sono state avviate le procedure per l’assegnazione dei 141 milioni previsti dalla Legge 99/2013 come incentivo sperimentale per promuovere contratti a tempo indeterminato di circa 12 mila giovani siciliani fra il 7 agosto 2013 e il 30 giugno 2015.

“Sono stati impegnati - dichiara Vito Rizzo di Bis, Bandi in Sicilia, che svolge attività di consulenza per enti locali, associazioni, piccole e medie imprese e privati relativa agli strumenti finanziari dell’Unione Europea e dello Stato finalizzati allo sviluppo della Sicilia - 8 degli oltre 28 milioni disponibili per il solo 2013, questo dato sta a significare senza dubbio che vi è una scarsa conoscenza dello strumento da parte delle imprese, ma che vi è un’oggettiva rigidità ad assumere a tempo indeterminato, sia per la crisi della domanda che per gli elevati costi in ingresso ed in uscita dal mercato del lavoro. Forse è arrivato il momento di capire che nel mercato sempre più globalizzato occorre inserire una dose di flessibilità ancora maggiore, anche nel settore degli aiuti di Stato. C’è un’intera generazione di Neet under 35, formata, ma che ha elevate difficoltà ad entrare nel mondo del lavoro o che addirittura non ha mai lavorato”.

Fra “Youth guarantee”, Legge 99/2013 e riprogrammazione dei fondi comunitari in Sicilia vi sono a disposizione miliardi di euro per sostenere l’occupazione giovanile che però restano lì fermi nel cassetto proprio perché non sfruttati. Il nuovo bonus statale per le assunzioni a tempo indeterminato dei giovani under 29, ancora in vigore, assegna proprio alla Sicilia la quota più consistente: 141 milioni di euro nel triennio su 794 milioni complessivi.

“La classe imprenditoriale, adesso, - sostiene Angelo Mattone, segretario della Uil di Catania - mostri coraggio e lungimiranza sfruttando i fondi disponibili per investire su risorse umane e professionali troppo a lungo misconosciute. La Uil è pronta, per quanto possibile negli ambiti della contrattazione decentrata, a sostenere queste iniziative”.

Gli incentivi previsti dal Decreto Occupazione sono pari al 33 per cento dell’imponibile previdenziale grazie al credito di imposta per una durata di 18 mesi in caso di nuove assunzioni e di 12 mesi nel caso di stabilizzazione, entro un tetto massimo di 650 euro mensili.

“Siamo pronti a incontrare già nei prossimi giorni le organizzazioni imprenditoriali – aggiunge Mattone - per verificare e incoraggiare l'utilizzo del bonus. Ci auguriamo che arrivino tali e tante richieste di incentivi da imporre una richiesta di incremento della dotazione economica, che noi sosterremo decisamente anche sollecitando al governo regionale la riprogrammazione mirata dei Fondi strutturali europei. L'emergenza-giovani merita una risposta generosa da istituzioni politiche e parti sociali”.
 

 
L’approfondimento. Uno sgravio contributivo fino a 650 euro mensili
 
L’Inps con la circolare numero 131 del 17 settembre 2013 ha fornito tutte le informazioni operative su come fare domanda per l’ammissione e fruizione del bonus e con la circolare numero 138 del 27 settembre 2013 è stato fissato per l’appunto un click day, ossia il giorno a partire dal quale è stato possibile collegarsi al sito dell’istituto previdenziale per richiedere le agevolazioni sulle assunzioni di giovani lavoratori under 30. Secondo le stime del Ministro del Lavoro Enrico Giovannini questo intervento dovrebbe  portare alla creazione di 100 mila posti di lavoro per i giovani, calcolando gli effetti dello sgravio contributivo fino a 650 euro mensili per le aziende. L’incentivo è riservato alle assunzioni di lavoratori di età compresa tra i 18 e i 29 anni, che rientrino in una di queste condizioni: siano senza impiego regolarmente retribuito da almeno 6 mesi e siano privi di un diploma di scuola media superiore o professionale. Il contributo spetta per le assunzioni a tempo indeterminato full time o part time, anche di apprendisti (l’apprendistato viene considerato un contratto a tempo indeterminato) e anche di lavoratori domestici. Inoltre il contributo spetta per trasformazioni a tempo indeterminato di un rapporto a termine.

Articolo pubblicato il 23 gennaio 2014 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐