Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Affitti: uno spreco da 32 mln di euro
di Stefania Zaccaria

Edifici e appartamenti di proprietà pubblica lasciati a marcire, quando potrebbero essere ristrutturati e messi a reddito. Centinaia di immobili inutilizzati. Locazioni però legittime se necessarie

Tags: Affitto, Casa



PALERMO – Di strutture di proprietà comunale inutili e inutilizzate le nostre città sono piene: tanti immobili rimangono completamente abbandonati per anni, magari pericolanti, e finiscono col rappresentare per i Comuni soltanto delle spese superflue. Queste strutture rappresentano quindi un patrimonio “sprecato”, che potrebbe essere venduto per fare cassa e per risanare i buchi di bilancio.
Questi edifici potrebbero anche essere utilizzati per alleggerire il costo attualmente pagato dai nove capoluoghi siciliani in termini di fitti passivi (calcolato in circa 32 milioni di euro), sgravando così le casse comunali di un peso non indifferente.
Dai sindaci, insomma, andrebbe applicata una semplice quanto essenziale regola di buonsenso: affittare immobili solo se realmente necessario per l’Ente. (continua)

Articolo pubblicato il 24 gennaio 2014 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐