Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Confronto su consorzi e città metropolitane
di Giovanna Naccari

La commissione Cultura va a Piazza Armerina per rilanciare Villa Romana del Casale

Tags: Città Metropolitane, Consorzi Comunali



Palermo - In commissione Affari istituzionali si discute delle norme che istituiscono i liberi consorzi comunali e le città metropolitane.

La commissione Bilancio esamina, per la riformulazione della copertura finanziaria, i disegni di legge che riguardano la tutela dai rischi derivanti dall’esposizione all’amianto, l’istituzione degli ecomusei e i pagamenti della pubblica amministrazione. Per le audizioni, oggi i parlamentari si occupano di servizio idrico e domani delle società partecipate della Regione. Al centro dell’attenzione, in quest’ultimo incontro, ci sono le attività di Sicilia e-servizi e del Seus 118 (servizio di emergenza urgenza sanitaria). Questo tema è anche oggetto d’attenzione della commissione Sanità che, tra l’altro, continua il giro di audizioni sulla rimodulazione dei posti letto. La commissione Attività produttive è impegnata sul fronte agricolo e sul marchio ‘qualità Sicilia’.
 
Prevista, inoltre, l’audizione dell’assessore regionale Risorse Agricole sul percorso di riorganizzazione della struttura amministrativa. Giovedì i deputati trattano il tema degli investimenti di Assomineraria nel settore idrocarburi e le attività di Mineracqua.

Di servizio idrico integrato nei territori di Palermo e Siracusa si occupa la commissione Ambiente.
Oggi la commissione Cultura si riunisce nel comune di Piazza Armerina per discutere delle potenzialità di sviluppo culturale e turistico della Villa romana del Casale e del territorio limitrofo. Partecipano rappresentanti delle istituzioni locali e regionali, associazioni culturali e organismi scientifici.

Articolo pubblicato il 28 gennaio 2014 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus