Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Incubo sisma, Istituzioni dormono
di Rosario Battiato

In aumento gli eventi di una certa intensità. Solo 190 Comuni su 390 dotati dei Piani di emergenza. Nelle Leggi di stabilità, nazionale e regionale, nessuno stanziamento specifico

Tags: Terremoto, Sisma



PALERMO - Il terremoto non è prevedibile e le sue conseguenze non possono essere mai del tutto scongiurate, ma la prevenzione serve a scongiurare effetti peggiori. Le calamità naturali continuano a produrre svariati miliardi di danni nel giro di pochi anni, eppure la cecità della classe politica regionale e nazionale non è ancora riuscita a mettere in piedi un piano complessivo di interventi che parta dalle istituzioni o che venga agevolato dai cittadini tramite un'assicurazione obbligatoria contro le calamità, così come era previsto in un ddl redatto dall'Enea lo scorso novembre.
Il risultato è che lo Stato stanzia spiccioli (30 milioni di euro nella legge di stabilità 2014 per la difesa del suolo) e che tutti gli interventi arrivano sempre a tragedie avvenute. Restano i bonus per la messa in sicurezza, ma i siciliani investono ancora pochissimo. (continua)

Articolo pubblicato il 29 gennaio 2014 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐