Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Palermo, Monreale e Cefalù candidate patrimonio dell'Umanità
di Redazione

La commissione nazionale italiana per l'Unesco ha approvato la candidatura delle bellezze bizantine e arabo-normanne del Capoluogo, nonché delle Chiese cattedrali degli altri due Centri. Proclamazione prevista per la primavera 2015

Tags: Monreale, Cefalù, Palermo, Unesco, Patrimonio Dell'Umanità, Giovanni Puglisi



La Commissione nazionale italiana per l'Unesco ha approvato in via definitiva e trasferito all’Unesco di Parigi la candidatura di Palermo bizantina e arabo-normanna e delle chiese cattedrali di Monreale e Cefalù per l'iscrizione al patrimonio storico-artistico dell'umanità per l’anno 2015. A comunicarlo con soddisfazione è proprio il presidente dell'organismo, il siciliano Giovanni Puglisi.
 
“Questo risultato - dichiara Puglisi - non soltanto valorizza ulteriormente un territorio che merita un destino certamente migliore di quello che gli viene assegnato dalle disavventure della politica di questi anni, ma anche inserisce nel patrimonio dell'Unesco un sito che davvero si presenta con caratteristiche di unicità perché il patrimonio bizantino e arabo-normanno che è sedimentato nei siti storico-artistici di Palermo è un esempio unico al mondo di sincretismo culturale a valle di diversità religiose e politiche”.
 
“In Sicilia - prosegue Puglisi - nei millenni della sua storia non è stata mai cancellata alcuna esperienza culturale religiosa, ma ognuna è cresciuta accanto all'altra conservandone e rispettandone valori e tradizioni. Mi auguro solo che la memoria possa restare anche un progetto di vita per il futuro. Mi preme infine ricordare che la procedura per la candidatura, dopo la valutazione tecnica del ministero dei Beni Culturali, viene approvata dalla Commissione italiana per l'Unesco e trasferita a Parigi per la parte conclusiva dell'iter”.
 
“La previsione di proclamazione – conclude - è per la tarda primavera-estate del 2015, quindi in tempo affinché Palermo apra le sue porte e i suoi patrimoni ai visitatori di Expo 2015”.
 

Articolo pubblicato il 30 gennaio 2014 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus