Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Appalti: solo 103 gare per 190 mln di euro
di Stefania Zaccaria

Regione e Comuni non cofinanziano fondi Ue per 3 mld €. I costruttori: “In dieci anni un crollo dell’85%”. Scarsi investimenti, ma stipendi pubblici e consulenze pagati regolarmente

Tags: Edilizia, Investimenti, Fondi Ue



PALERMO – Il comparto edile siciliano vive da anni una crisi senza precedenti. Nel 2012, secondo i dati forniti dall’Urega – che gestisce le gare superiori a 1.250.000 € - sono stati aggiudicati lavori per appena 191.167.862,84 €. Ma sono le stazioni appaltanti (Comuni, Province, uffici degli assessorati o privati) a investire sempre meno in opere pubbliche.
Le linee guida degli Enti pubblici siciliani sembrano destinate a portare l’Isola alla rovina: si favorisce la spesa improduttiva e si dimentica di puntare sugli investimenti, su ciò che potrebbe realmente garantire una svolta all’economia locale, favorendo l’occupazione e garantendo un salto di qualità dal punto di vista infrastrutturale.
La scelta, per gli amministratori isolani, è ormai una sola: portare la barca in porto o lasciarla alla deriva, abbandonandola al proprio fosco destino.
 

Articolo pubblicato il 05 febbraio 2014 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐