Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Rischi idrogeologici, spesi 3 € su 10
di Rosario Battiato

Frane e alluvioni costano alla Sicilia 400 mln l’anno. Per ogni mld stanziato in prevenzione, 2,5 mld spesi per riparare danni. Su 424 lavori solo 175 ultimati, un terzo dei fondi stanziati su un totale di 600 mln

Tags: Rischio Idrogeologico, Ambiente



PALERMO - La Sicilia è brutalmente ferita dal rischio idrogeologico. Lo dicono le vittime degli ultimi anni e i danni distribuiti su tutto il territorio. Il rischio è ormai mappato e confermato dal ministero dell’Ambiente e dalla Protezione civile, eppure gli investimenti per la messa in sicurezza procedono ancora a passo d'uomo, sacrificando la sicurezza dei siciliani e lo sviluppo dell'occupazione tra le maglie della burocrazia. Una spinta decisiva sembra arrivare dai recenti interventi delle più alte cariche dello Stato e anche dalla promessa di nuovi fondi e dalla maggiore mobilità nella spesa. Per la Sicilia sarebbe una necessità visto che dal 2009 al 2012 il dissesto ha causato danni per circa 400 milioni di euro all'anno, coinvolgendo le infrastrutture già carenti sul territorio isolano. Il 2014 potrebbe essere l'anno della svolta perché soltanto la prevenzione può salvarci dal dissesto.

Articolo pubblicato il 08 febbraio 2014 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus