Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

L'eruzione dell'Etna come non l'avete mai vista
di Redazione

Sul sito web della Cattedrale di Catania è visibile in gigapixel l'affresco commissionato nel 1669 dal Vescovo Michelangelo Bonadies che rappresenta la più devestante eruzione del Vulcano. L'immagine è stata realizzata dal fotografo Antonino Del Popolo

Tags: Sicilia, Etna, Catania, Michelangelo Bonadies, Gigapixel



Grazie a una immagine digitale ad altissima risoluzione da oggi è visibile in tutto il mondo sul sito web della cattedrale di Catania l'affresco commissionato nel 1669 dal Vescovo Michelangelo Bonadies che rappresenta l'eruzione dell'Etna, considerata la più devastante in epoca storica, che in quell'anno seppellì decine di centri abitati giungendo fino al mare in corrispondenza dei quartieri occidentali del capoluogo etneo (clicca qui per vedere l'affresco).
 
L'affresco, sopravvissuto alla distruzione del terremoto del 1693, è conservato nella sagrestia della cattedrale del Capoluogo. A realizzare l'immagine in gigapixel è stato il fotografo Antonino Del Popolo. Oggi l'opera è stata presentata nella sagrestia della cattedrale alla presenza, tra gli altri, del parroco della Basilica Cattedrale e delegato vescovile per la Festa di Sant'Agata, Barbaro Scionti, del vicario episcopale per la Cultura monsignor Gaetano Zito e Francesco Mannino, presidente delle omonime officine culturali.
 
Quella di Catania in GigaPixel è un'operazione altamente tecnologica nata dalla collaborazione tra l'Ente Chiesa Cattedrale, Officine Culturali e Antonino Del Popolo. Il fotografo infatti con l'associazione che si occupa della promozione del Monastero dei Benedettini ha intrapreso una proficua collaborazione che nel 2013 ha portato il Monastero sul web con un virtual tour del complesso monastico.
 

Articolo pubblicato il 10 febbraio 2014 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus