Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

I Google glass stanno per arrivare in Italia. Un Galateo per gli occhiali ipertecnologici
di Bartolomeo Buscema

Con questi speciali occhiali si possono scattare foto, registrare video, inviare mail, ottenere in tempo reale informazioni. Occhio alla privacy e alla sicurezza di chi li indossa. Il buon senso suggerisce alcuni facili consigli

Tags: Google Glass



CATANIA - Fra non molto anche i Google Glass saranno venduti in Italia. Non saranno disponibili nei negozi di ottica, ma quasi sicuramente nei negozi dedicati all’informatica. Sono molti gli appassionati che fremono e che non vedono l’ora di girare con i Google Glass di giorno e qualcuno anche di notte. Con questi speciali occhiali, come noto, si possono scattare foto, registrare video, inviare mail, ottenere in tempo reale informazioni su meteo e traffico e molto altro. Un vero gioiello tecnologico da usare con cautela, viste le preoccupazioni espresse dai garanti della privacy di tutto il mondo e, pochi giorni fa, anche dal Codacons (associazione dei consumatori), che ha chiesto al ministero della Salute e a quello dello Sviluppo economico di vietare la commercializzazione del dispositivo in Italia.

Certamente tali “occhiali” devono essere utilizzati da utenti responsabili perché come rileva il Codacons : “A quanto si apprende, nella fase di sperimentazione del prodotto, gli occhiali avrebbero fatto insorgere emicranie e uno stato di malessere nei collaudatori. I problemi riguardano però anche la sfera della sicurezza e della privacy, poiché i Google Glass non solo sono in grado di fotografare e filmare tutto ciò che compare davanti agli occhi di chi li indossa, ma potrebbero addirittura permettere l’identificazione delle persone, attraverso applicazioni capaci di fornire dati sensibili tramite il riconoscimento facciale”. Ecco perché il colosso americano Google ha recentemente pubblicato una sorta di galateo con dettagliate istruzioni per l’uso corretto del dispositivo specificando cosa fare e cosa non fare (do’s e don’ts) per un uso diremmo socialmente corretto degli occhiali.
La regola più importante è quella di chiedere, sempre, il permesso come quando si chiede o si dovrebbe chiedere quando con il proprio smartphone scattate una foto a persone che non sono vostri amici.

Google consiglia poi di “approfittare dei comandi vocali degli occhiali” per non distrarsi mentre si è alla guida di un autoveicolo e di “utilizzare il blocco dello schermo” sia per proteggere il dispositivo, sia per impedire ad altri di utilizzarlo. La parte più interessante è, naturalmente , quella dei don’ts (le cose da non fare). La società Google, conosciuta anche come “Big G”, dà alcuni suggerimenti tra cui quello di non abusare del dispositivo: “Chi vi circonda vi troverebbe piuttosto strano. Evitate, se potete, di leggere «Guerra e Pace» sui Glass. Ci sono altri modi per farlo”. E: “Non siate maleducati. Rispettate gli altri, e rispondete con garbo alle loro domande”, siate gentili e spiegate loro cosa fanno in concreto gli occhiali, e ricordate che una piccola dimostrazione vale più di mille parole.” Tutte buone regole che si collocano nel perimetro di quel “common sense” tipicamente americano. Fra non molto, comunque, vedremo nei fatti cosa accadrà.

Articolo pubblicato il 07 marzo 2014 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus