Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Matteo Messina Denaro non hai scampo
di Redazione

Il procuratore nazionale Antimafia, Franco Roberti, non ha dubbi: "I grandi latitanti sono stati assicurati alla giustizia e quello che manca sono certo che verrà preso"
 

Tags: Matteo Messina Denaro, Franco Roberti, Antimafia, Procuratore Nazionale Antimafia, Mafia, Sicilia, Campania



“I grandi latitanti sono stati assicurati alla giustizia e quello che manca sono certo che verrà preso”. Lo ha detto il procuratore nazionale Antimafia, Franco Roberti, a proposito del boss Matteo Messina Denaro. "Quando un boss è latitante da così tanto tempo - ha proseguito - significa che può godere di protezioni e coperture che ne attestano il suo potere".
 
Roberti ha anche parlato della situazione attuale della mafia in Sicilia, spiegando che “gli omicidi non avvengono solo quando si fanno affari e c'è un equilibrio”.
 
“In Campania, infatti, la situazione è diversa”, ha proseguito Roberti, spiegando che "il clan dei Casalesi è stato distrutto, non esistono più latitanti, ma bisogna stare attenti che non si costituisca sotto altre forme". Roberti ha risposto anche ad una domanda sulle indiscrezioni rilanciata da L'Espresso, secondo cui sarebbe in cantiere un depotenziamento della Dia.
 
"Non credo che ci sarà un depotenziamento - ha detto - non ho letto questo articolo ma se qualcuno ha avuto questa sciagurata idea, mi auguro che non abbia seguito. C'è un impegno del governo a potenziare la lotta alla mafia e ho il dovere di credere a questo impegno".
 

Articolo pubblicato il 11 marzo 2014 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus