Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Palermo - “Storia chiarita, resta un attacco personale”
di Carmelo Lazzaro Danzuso

“Tutto ciò mi fa pensare ci sia l’obiettivo di liberarsi di un sindaco che non ha mai consentito interessi illegittimi”. Diego Cammarata torna sulla vicenda del dipendente Gesip assenteista e skipper della sua barca

Tags: Diego Cammarata



PALERMO - “Adesso basta. L’imbarbarimento della contrapposizione politica, anche e forse soprattutto all’interno della mia stessa maggioranza, e l’importanza che si vuole dare al servizio di Striscia la notizia mi fa pensare che l’attacco alla mia persona e soprattutto al ruolo che svolgo celi l’obiettivo di liberarsi di un sindaco che in tutti questi anni non ha mai consentito che interessi illegittimi, illegali o illeciti avessero dimora dentro Palazzo di città”.

Dopo un giorno di silenzio, il sindaco di Palermo, Diego Cammarata, è tornato a parlare della vicenda Franco Alioto (l’impiegato assenteista della Gesip che curava la manutenzione della barca del primo cittadino) e lo ha fatto contrattaccando chi in questi giorni ha puntato il dito contro di lui: oppositori ed ex alleati.

“Forse – ha scritto in una nota - i provvedimenti adottati dalla giunta comunale e quelli previsti per l’immediato futuro preoccupano chi difende interessi particolari e illeciti, che non appartengono alla collettività e ritiene che questo sindaco, sulla cui onestà personale ed amministrativa nessuno in otto anni ha potuto mai porre ombre, vada allontanato. Si sappia che non consentirò mai che si ricostituiscano attorno al Palazzo di città comitati di affari o di malaffare e che continuerò a vigilare perché sia garantito esclusivamente l’interesse della città e dei cittadini”.
Infine, Cammarata è tornato sulla vicenda dello skipper.
“I fatti - ha spiegato - sono ormai chiari. La presenza sulla barca di Alioto negli orari in cui quest’ultimo avrebbe dovuto essere al lavoro avveniva a mia insaputa e la conferma precisa viene dalla sua constatata assenza nel mese di settembre, periodo durante il quale non ho messo piede a Marina di Villa Igiea, dove la barca è ormeggiata.

Articolo pubblicato il 25 settembre 2009 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus