Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Siracusa - I minibus elettrici usati per il G8 restano abbandonati “in garage”
di Isabella Di Bartolo

Piani di mobilità e traffico, molte promesse ma nessun fatto. E la città affonda nelle carenze. “Baluardo di eco-compatibilità”: ma non c’è il personale per caricare le batterie

Tags: Siracusa, G8



SIRACUSA - La viabilità si conferma una delle carenze per antonomasia del Comune aretuseo. A distanza di anni, infatti, nessuna concreta risposta sulla redazione dei piani della mobilità, nonostante sollecitazioni e richieste di cittadini e politici. Risale al 2005 la legge del ministero ai Lavori pubblici che impone ai Comuni di dotarsi del Put, il Piano urbano del traffico, e del Pum, piano urbano della Mobilità. Entrambi strumenti urbanistici volti a razionalizzare le aree di traffico e dunque la viabilità cittadina, in connessione a abitudini, orari, posteggi e conformazioni urbane, nessuna concreta notizia.
 
A questi si affianca il sistema della Zona a traffico limitato (Ztl) della cui nuova redazione non si sa ancora nulla mentre resta in vigore l’ordinanza del novembre 2008. Una carenza accennata anche dal presidente regionale dell’Ast, Dario Lo Bosco, e considerata necessaria per il miglioramento del servizio di trasporto pubblico; e più volte denunciata dal gruppo Pd in consiglio comunale (Domenico Richiusa, Riccardo De Benedictis, Carmen Castelluccio e Fortunato Minimo) che presenterà subito un’interrogazione chiedere all’amministrazione chiarimenti sul Put, sulla sua redazione e sulle somme stanziate negli ultimi dieci anni per studi e indagini.

A queste incompiute si affianca anche la questione relativa alla mobilità all’interno di Ortigia, per la quale erano stati acquistati sei minibus elettrici di ultima generazione in occasione del G8 ambiente. Per agevolare il trasporto pubblico all’interno dell’isolotto, di fatto centro storico e come tale chiuso parzialmente al traffico, il Comune con il benestare del ministero all’Ambiente, aveva comprato questi mezzi ecologici per fare di Siracusa il nuovo baluardo dell’eco-compatibilità. Motivo del mancato utilizzo di questi bus, usati solo nei tre giorni del G8 ambientale, è l’assenza del personale specializzato a caricare le batterie elettriche. Il Comune non ha unità lavorative atte a questa mansione. Una situazione denunciata dai consiglieri dell’opposizione immediatamente senza tuttavia alcuna risposta soddisfacente.
 
E i minibus restano dunque chiusi all’interno dei capannoni come accade alle biciclette elettriche acquistate qualche anno addietro dall’amministrazione e date in dotazione ai vigili urbani e ai dipendenti comunali che, salvo qualche sporadica eccezione, non li hanno mai usati.
 

 
L’assessore Basile: “Put e Pum nei primi sei mesi del 2010”
 
SIRACUSA - Occorrerà attendere qualche mese per vedere almeno sulla carta i piani della mobilità. Sia il Piano del traffico che quello della mobilità, infatti, sono in fase di studio come puntualizza l’assessore al ramo, Mauro Basile che annuncia come la fase preliminare sia quasi giunta al suo termine e che entro il primo semestre del 2010 il Put sarà varato. “Sono quasi ultimate le quatto fasi preliminari di indagine affidate a una ditta specializzata – afferma Mauro Basile –, l’ultima si concluderà a ottobre. Dopo di ciò, i tecnici prepareranno la relazione che entro dicembre sarà ultimata e passerà all’attenzione del consiglio comunale. Successivamente toccherà all’amministrazione portare avanti il provvedimento, ma ritengo che entro i primi sei mesi dell’anno prossimo sia il Put che il Pum saranno attivati”. Resta da attivare poi la Zona a traffico limitato di Ortigia per la quale, come affermano dall’ufficio tecnico comunale, si susseguono le riunioni.

Articolo pubblicato il 25 settembre 2009 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus