Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Aumentano i posti letto ma diminuiscono i turisti
di Michele Giuliano

L’offerta di strutture alberghiere è ferma a dieci anni fa. A Palermo si è registrata una contrazione del 25-30%

Tags: Federalberghi, Nicola Farruggio



PALERMO - Solo in provincia di Palermo, riferisce Federalberghi, i posti letto sono aumentati del 10 per cento rispetto allo scorso anno. “Di contro – dice il fresco eletto presidente di Federalberghi Palermo, Nicola Farruggio, le presenze turistiche hanno subito una contrazione del 25-30 per cento”. Ma perché si registra questo calo di presenze sull’Isola? “è anche un problema di offerte – continua Farruggio – in quanto sono rimaste tale e quali a quelle formulate 10 anni fa. Non si può far leva sempre sui percorsi tradizionali che sono monumenti e mare anche perché su queste caratteristiche possono puntare tanti altri territori in Italia e quindi si rischia di non essere altrettanto attrattivi. Come Federalberghi puntiamo a rafforzare il rapporto con le istituzioni.

Occorre capire se Palermo e la provincia vogliono essere, ad esempio, località di turismo o di commercio”. Esiste un altro problema reale a livello infrastrutturale per la Sicilia ed è quella della mancanza di diversificazione dell’offerta di posti letto. Andiamo ad esempio in provincia di Trapani: qui mancano gli ostelli, cioè quei posti letto a bassi costi. Lo hanno detto la quasi totalità dei turisti che si sono rivolti all’Info Point installato a Trapani per accogliere il turista. Per l’esattezza ben il 75 per cento ha rivelato, tra le altre criticità, di non avere trovato posti letto a bassi costi.
“Non ci sono ostelli a 20 euro a notte ma solo hotel di alti costi per il pernottamento” hanno scritto nel questionario a cui sono stati sottoposti.
Questo è uno dei tanti limiti della Sicilia turistica specie in questo momento di particolare difficoltà per le famiglie.

Articolo pubblicato il 25 settembre 2009 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento
  • Senza qualità, turisti in fuga dall’Isola -
    Turismo. Sicilia meno attraente snobbata dai visitatori.
    Alberghi. Si continua ad investire in nuove strutture ricettive, ma i prezzi restano alti e la qualità talvolta lascia a desiderare, senza un controllo puntuale. Diminuisce così il tasso di riempimento delle camere.
    Spese. 12 mln per incentivare il movimento turistico verso l’Isola, 480.000 € per i 22 Servizi turistici territoriali e 4.600 € per le Pro loco, il tutto al cospetto dei 16,5 mln per il personale del dipartimento Turismo.
    (25 settembre 2009)
  • L’approfondimento. Verso una riclassificazione alberghiera - (25 settembre 2009)
  • In forte diminuzione il turismo internazionale -
    Sole, Federturismo Sicilia: “Bisogna guardare con ottimismo al 2010”. A reggere bene alla crisi sono invece i flussi interregionali
    (25 settembre 2009)
  • Aumentano i posti letto ma diminuiscono i turisti -
    L’offerta di strutture alberghiere è ferma a dieci anni fa. A Palermo si è registrata una contrazione del 25-30%
    (25 settembre 2009)


comments powered by Disqus