Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Assunzioni 118, condanna definitiva per 17 politici siciliani (c'è anche Totò Cuffaro)
di Redazione

La Corte dei Conti ha respinto l'istanza di ricusazione dei giudici: i condannati dovranno risarcire 730 mila euro ciascuno per il danno erariale provocato alla Regione

Tags: Corte Dei Conti, 118, Totò Cuffaro, Danno Erariale, Sise, Seus



La Sezione giurisdizionale d'appello della Corte dei Conti ha respinto l'istanza di ricusazione del collegio che avrebbe dovuto esaminare la richiesta di revocazione della sentenza d'appello presentata da 16 dei 17 politici condannati in secondo grado a risarcire 730 mila euro ciascuno per danno erariale provocato alla Regione.
 
Il danno sarebbe stato determinato da 512 delle 3 mila assunzioni di barellieri alle Sise, oggi Seus, che gestisce il servizio di emergenza del 118. La sentenza è dunque ormai definitiva.
 
I condannati sono l'ex governatore Totò Cuffaro, Francesco Cascio, Antonio D'Aquino, Mario Parlavecchio, Giovanni Pistorio, Francesco Scoma, Michele Cimino, Fabio Granata, Carmelo Lo Monte e Innocenzo Lentini (all'epoca presidente e assessori), Giuseppe Arcidiacono, Giuseppe Basile, Giancarlo Confalone, David Costa, Nino Dina, Santi Formica e Angelo Moschetto (all'epoca componenti della commissione).
 
Nei prossimi giorni il presidente della stessa Sezione, Pasquale Iannantuono, fisserà la data dell'udienza nella quale sarà esaminata la richiesta di revocazione della sentenza d'appello normalmente definitiva, una sorta di revisione del processo contabile prevista in casi eccezionali. Secondo il collegio giudicante, il giudizio di revocazione non può tradursi in un ulteriore grado di giudizio ma può solo prendere atto di eventuali errori di fatto o di calcolo.

Articolo pubblicato il 26 marzo 2014 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus