Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Mafia, ancora carcere duro per Provenzano
di Redazione

"Binu" resterà al 41 bis per almeno altri due anni. La decisione è arrivata dal ministro Orlando dopo i pareri della Direzione nazionale antimafia e delle procure di Palermo, Caltanissetta e Firenze. Dura la reazione dei figli.

Tags: Bernardo Provenzano, Mafia, Carcere Duro



ROMA - Il ministro della Giustizia, Andrea Orlando, ha prorogato il carcere duro per il capo mafia corleonese, Bernardo Provenzano. Il provvedimento che impone il 41bis al boss, va rinnovato ogni 2 anni e sarebbe scaduto domani.
 
Pareri discordanti Soltanto qualche giorno fa le procure di Palermo, Caltanissetta e Firenze, interpellate dal Guardasigilli, avevano dato parere negativo alla proroga, sostenendo che per le sue condizioni di salute il padrino non è più in grado di comunicare con l'esterno. E siccome il carcere duro è finalizzato proprio ad evitare i contatti dei boss con l'esterno una proroga del 41 bis per il capomafia corleonese sarebbe inutile. A favore del 41 bis si è espressa invece la Direzione nazionale antimafia.
 
Le reazioni Francesco Paolo e Angelo Provenzano, i figli del capomafia di Corleone, non hanno apprezzato la decisione: “Su quali ragioni si fonda un trattamento differenziato solo per nostro padre? Anzi, in verità solo per noi che siamo gli unici a subire, incolpevoli, questo regime 'speciale'. È come se dicessero che siamo noi sospettati di portare messaggi fuori o da fuori”. Ironico il commento dell'avvocato di Provenzano, Rosalba Di Gregorio, in riferimento alle condizioni di salute del boss: "Il detenuto per cui ho chiesto la revoca del 41 bis è quello per cui le Procure hanno espresso il parere. Quello per il quale hanno confermato il carcere duro è evidentemente un altro".
 
Le condizioni precarie “Binu” Provenzano è ricoverato in ospedale a Parma, tra misure di sicurezza eccezionali. Alcune perizie mediche sostengono che non sia in grado di intendere e di volere e di partecipare validamente ai processi in cui è imputato. Da oltre un anno, inoltre, è considerato in fin di vita. Attualmente le sue condizioni sono comunque stazionarie.
 

Articolo pubblicato il 27 marzo 2014 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐