Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twittergoogle qds rss qds
Quotidiano di Sicilia
Ato rifiuti, bruciati 3,7 mld in 7 anni
di Rosario Battiato

Calcolo dell’attuale sistema, basato su discariche, poca differenziata e nessun impianto energetico: costi spaventosi. Tra un mese scade l’ultima proroga agli Ambiti, in regola solo un comune su 4

Tags: Regione Siciliana, Rifiuti, Rsu



PALERMO - La Corte dei Conti aveva definito la gestione del servizio integrato dei rifiuti da parte di molte Ato, "spesso poco improntata non solo a criteri di economicità e di efficienza, ma talvolta anche di legalità". Una situazione che ha cagionato nel tempo "una smodata lievitazione dei costi di esercizio, sostanzialmente fuori controllo, che, per via dell’esiguo recupero tariffario, ha dato luogo ad una serie di forti tensioni di liquidità per le società e i consorzi di gestione”. In altri termini il gioco del cane che si morde la coda.
Il sistema Ato non ha funzionato, la differenziata non è riuscita a decollare, e le economie di scala derivate dalla valorizzazione energetica e dal riciclo non si sono avviate. In “compenso” è cresciuto il debito di un sistema ingestibile a fronte di una riscossione comunale delle tariffe spesso inferiore al 50%. A un mese dal probabile addio degli Ambiti, il conto è salatissimo.

Articolo pubblicato il 28 marzo 2014 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐