Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Catania - Riqualificare Villa Fazio a Librino e realizzare le fogne a S. Giorgio
di Melania Tanteri

Per le opere idrauliche il Comune è in attesa del finanziamento di 6 mln € da parte della Regione. Un centro di aggregazione per il quartiere: accelerare i tempi per l’affidamento

Tags: Catania, Villa Fazio, Librino



CATANIA - Si avvicina la riqualificazione di Villa Fazio. Dopo l’interessamento della commissione consiliare permanente ai Lavori pubblici, che poco tempo fa ha effettuato una serie di sopralluoghi prima e interrogazioni poi per cercare di capire i tempi e i costi del recupero dell’importante struttura, sembra che finalmente qualcosa si stia muovendo. A darne conferma sono gli stessi responsabili del settore dell’amministrazione comunale, Giampaolo Adonia, responsabile dell'Ufficio gare e appalti del Comune, e la responsabile degli adempimenti di gara per i lavori pubblici Agata Anastasi, che un paio di giorni fa hanno illustrato ai membri della commissione i progetti per la ristrutturazione di Villa Fazio, i cui lavori di riqualificazione sono già stati avviati, e soprattutto quelli per la sua trasformazione in centro di aggregazione nel quartiere di Librino. “Il timore – spiega il presidente della Commissione, Niccolò Notarbartolo – è che, una volta ultimati i lavori di ristrutturazione dell'immobile, Villa Fazio rimanga un contenitore vuoto. Sappiamo che allo stato attuale il bando per fare di Villa Fazio un centro di aggregazione territoriale è stato aggiudicato in via provvisoria al Consorzio Solco – ha proseguito - e abbiamo chiesto ai tecnici di accelerare i tempi per l'aggiudicazione definitiva, ottenendo da loro la certezza che il contratto di affidamento verrà siglato in tempi brevissimi”.

Un’iniziativa che, una volta completata, potrebbe davvero rappresentare una svolta per il popoloso quartiere periferico della città, attualmente privo di simili strutture e di centri di aggregazione. Non solo. Riprendere un immobile da tempo lasciato in stato di abbandono potrebbe rappresentare anche quel segnale di svolta, altrettanto importante per una zona come Librino, spesso utilizzata come piazza per fare annunci vuoti, mai seguiti a fatti, e dove lo stato di degrado e abbandono spesso nasconde l’opulenza e gli sforzi degli abitanti e delle associazioni presenti.

Non solo Villa Fazio, però, al centro delle richieste di chiarimenti della Commissione. Altro nodo cruciale per il quartiere e, in generale, per la sesta municipalità, è infatti la questione della realizzazione del sistema fognario nella zona di San Giorgio, dove ancora mancano gli allacci al collettore cittadino. Secondo quanto affermato, però, dai tecnici del Comune, la questione annosa sarebbe sulla via della risoluzione.

“Il Comune è in attesa della firma da parte della Regione del decreto di finanziamento dell'opera per un ammontare di 6 milioni di euro – ha sottolineato in Commissione il consigliere Agatino Lanzafame che ha chiesto agli uffici di “attivarsi per predisporre subito il bando in modo da avviare le procedure di gara non appena la Regione firmerà il decreto”. Una faccenda che, come assicurato dai responsabili comunali Adonia e Anastasi, potrebbe essere risolta in tempi piuttosto brevi (si è parlato di circa sei mesi) dalla firma del decreto all'apertura del cantiere.

Soddisfatto il presidente Notarbartolo che ha però evidenziato alcune criticità all’interno dell’ufficio gare del Comune di Catania che sarebbe sottodimensionato a livello di pianta organica. Da qui la richiesta alla Giunta comunale di avviare al più presto l'iter per la definizione della nuova macrostruttura che tenga conto anche di queste difficoltà.

Articolo pubblicato il 30 marzo 2014 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐