Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Mafia, sequestrati beni per 600 milioni di euro
di Redazione

Maxisequestro da oltre mezzo miliardo di euro operato dalla Dia nei confronti degli eredi dell'imprenditore Vincenzo Rappa. Tra i beni sequestrati figurano numerosi immobili e società e participazioni del gruppo. 

Tags: Vincenzo Rappa, Sequestro, Mafia



PALERMO - La Direzione investigativa antimafia ha sequestrato beni per circa 600 milioni di euro (stima ritenuta prudenziale) riconducibili agli eredi di Vincenzo Rappa, imprenditore palermitano morto nel 2009, “il quale aveva intrattenuto rapporti con noti esponenti di Cosa nostra, che ne hanno permesso l'escalation imprenditoriale – si legge in una nota della Dia - e l'illecito arricchimento”.

Il provvedimento, eseguito dalla Dia di Palermo, ha consentito, grazie alle recenti disposizioni inserite nel codice antimafia, di sequestrare i beni agli eredi, entro il limite massimo di cinque anni dal decesso. Rappa, seppur non inserito organicamente nell'associazione mafiosa, scrive la Dia, "avrebbe fornito un concreto e fattivo contributo al suo sviluppo strutturale, ottenendo in cambio considerevoli vantaggi sia nel settore dell'edilizia privata sia in quello degli appalti pubblici". Tra i beni sequestrati figurano numerosi appartamenti, ville, negozi, le sedi del Tar a Palermo, del Cnr e dell'emittente televisiva siciliana Trm, nonché della società Publimed e di una concessionaria di auto di grossa cilindrata con sedi a Palermo, Catania e Siracusa. Gli eredi dei beni sequestrati sono i nipoti di Rappa - figli di Filippo -, Gabriele e Vincenzo, che non sono indagati.

Tra i beni sequestrati anche società e partecipazioni del "Gruppo Imprenditoriale Rappa": l'impresa V. Rappa & C. snc di Vincenzo Rappa, la CIPEDIL S.r.l., Villa Heloise s.r.l., la C.R.C. società cooperativa a r.l., la società cooperativa a r.l. per azioni VAL DI SURO, la Rail s.r.l., la GEI GENERALIMPRESE s.r.l., TELEMED S.p.a. con partecipazione nella Consorzio Mediterraneo, PUBBLIMED S.p.a., Radio Day s.r.l. e Med Immobiliare s.r.l. Sotto sequestro anche la AUTO RA.MA S.r.l., la SICILIA 7 S.r.l., la SIMSIDER S.r.l., la FIN MED S.P.A., la MED GROUP S.P.A., la I.R.S.A.L.A.S.r.l. e la BENSO S.r.l.  

Articolo pubblicato il 30 marzo 2014 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus