Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Alta tensione in Sicilia, Crocetta: "In Giunta niente uomini di Cuffaro e Lombardo"
di Redazione

Il governatore contro i diktat degli alleati: "Il governo non può avere uomini del passato". Chiaro l'avvertimento all'Udc che punterebbe su Giovanni Pistorio

Tags: Crocetta, Regione Siciliana, Rimpasto, Udc, Giovanni Pistorio, Sicilia, Rosario Crocetta, Rimpasto Giunta, Pd



Continuano le fibrillazioni nella maggioranza siciliana. "I dikat basati 'o fai così o non ti diamo la fiducia' con me non funzionano, io ho solo un obiettivo: salvare la Sicilia. Sono disposto a perdere tutto ma non la dignità: se vogliono chiudere, l'accordo lo facciamo in tre ore avendo una cornice chiara sotto un cielo limpido e senza nubi del passato, altrimenti si dia via libera al presidente per fare il suo governo". E' l'avvertimento del governatore della Sicilia, Rosario Crocetta, ai partiti della sua coalizione a proposito del rimpasto in giunta. "Sono pronto a formare un governo di alto profilo - dice il presidente all'Ansa - e presentarmi direttamente davanti all'Assemblea siciliana". L'accordo sul Crocetta-bis sembra ancora in alto mare ed è probabile che senza un'accelerazione salti il vertice di maggioranza, previsto alle 16.
 
"Il governo nuovo non può avere uomini che ritornano dal passato", ha aggiunto il governatore che, in attesa delle indicazioni da parte dei partiti della sua maggioranza dei nomi per il rimpasto, chiude la porta all'ingresso in giunta di politici che hanno avuto ruoli nei governi precedenti. Un messaggio diretto agli alleati, in particolare all'Udc che potrebbe proporre il nome di Giovanni Pistorio, segretario siciliano dell'Unione di centro.
 
"Discuto da mesi con le forze politiche, chiedono 'un governo nuovo' e mi aspetto dunque uomini e donne che non rappresentino alcuna continuità con le esperienze di governo precedenti - afferma Crocetta - La palude sta proprio nel tentativo continuo di fare riaffiorare il passato che ha vissuto la Sicilia, un passato di due legislature che hanno determinato la crisi finanziaria, economica e sociale della Regione".
 
Il governatore chiede agli alleati "netta discontinuità" e bolla come "paradossale" la richiesta di "cambiare la giunta Crocetta proponendo uomini che hanno contribuito al disastro della Sicilia".
 
"Non posso accettare - avverte - e non ci si inventi veti del presidente su questioni contabili che non esistono. Con i partiti e i cittadini ho fatto un patto in campagna elettorale, la rivoluzione del cambiamento. E questa rivoluzione non si può fare riproponendo uomini dei governi Cuffaro e Lombardo che hanno avuto una fine dolorosa e frustrante per il popolo siciliano. Erano responsabili? Lo diranno la magistratura e la storia, non sono un giudice, non l'ho mai fatto. Ma il cambiamento e il rinnovamento passano dal concetto di discontinuità".

Articolo pubblicato il 31 marzo 2014 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐