Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Catania - Rimossi i primi cartelloni abusivi. Stancanelli: “Non recederemo”
di Agostino Laudani

Circa mille gli impianti nel mirino in questa fase iniziale. Poi dalla periferia si passerà al centro storico. Via all’attività affidata a Multiservizi. Il sindaco conferma la tolleranza zero

Tags: Catania, Raffaele Stancanelli, Affissioni



CATANIA - Sono già state effettuate le prime rimozioni di impianti pubblicitari abusivi a cura della Multiservizi che per conto del Comune di Catania effettua questo servizio contro le affissioni illegali che purtroppo invadono la città.
“Abbiamo mantenuto l’impegno -ha detto il sindaco Sancanelli- di mettere mano prontamente anche in questo settore per contrastare il fenomeno dell’abusivismo dilagante che oltre a deturpare la città, viola precise norme di legge; un comportamento che non si può tollerare ancora anche perchè crea condizioni di disparità con coloro che invece sono in regola”.

Le autogrù e gli operai della Multiservizi, assistiti dagli agenti della Polizia Municipale, sono già entrati in azione nella parte nord della città rimuovendo i primi cartelloni abusivi che ingombravano illegalmente strade e piazze di quella zona.
Due squadre di pronto intervento lavorano alternativamente nelle ore mattutine e pomeridiane per rimuovere impianti, alcuni anche di notevoli dimensioni, che erano stati messi in opera senza alcuna autorizzazione e i cui proprietari, nonostante l’ingiunzione alla rimozione, non hanno ottemperato alla diffida.
La complessa attività, che viene effettuata dal Comune col diritto a rivalersi “in danno” delle ditte che hanno operato abusivamente, durerà diversi mesi vista la notevole mole di lavoro che comporta il gran numero di impianti abusivi sparsi in città.

Dai dati censiti nei mesi scorsi dal ragionere generale che coordina anche gli interventi in materia di antiabusivismo per le affissioni, emerge che sono circa un migliaio le operazioni di rimozione da effettuare almeno in questa prima fase. Quest’azione che continuerà anche successivamente su altri fronti delle affisisoni abusive, rientra nell’ambito della più complessa azione antievasione che l’assessorato alle Finanze e ai Tributi retto da Gaetano Riva sta portando avanti da diversi mesi.
Il piano degli interventi di abbattimento e rimozione prevede un’azione concentrica delle squadre di operai che dalla periferia si sposti gradualmente verso il centro cittadino, così da evitare intralci al traffico cittadino. Proprio giovedì scorso con delibera del Consiglio Comunale il servizio di rimozione degli impianti pubblicitari abusivi, su proposta dell’amministrazione  Stancanelli, è stato affidato alla competenza della Multiservizi, al fine di snellire le procedure e rendere economicamente vantaggiose le attività del Comune di Catania in questo delicato settore.

“Anche questo nuovo fronte della lotta all’abusivismo commerciale - ha commentato il sindaco Stancanelli - non vuole avere intenti persecutori bensì quello di ripristinare le regole, a tutela e garanzia di quanti invece le rispettono. Nel contrastare con determinazione l’abusivismo nei mercati storici, l’evasione tributaria e ora anche l’affissione abusiva, un servizio che è da considerare ormai permanente, operiamo per rimettere ordine e fronteggiare il fenomeno della diffusa violazione delle norme di legge, che è uno degli elementi imprescindibili per fare rinascere Catania e fare sentire i suoi cittadini protagonisti di questo impegno comune da cui come amministrazione non recederemo di un millimetro”.

Articolo pubblicato il 26 settembre 2009 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus
Raffaele Stancanelli
Raffaele Stancanelli