Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

La formazione secondo Crocetta
di Redazione

Il governatore promette una nuova rivoluzione: doppio albo per separare giovani laureati e personale degli enti professionali. La ricetta: nessuna nuova assunzione, via ai corsi inutili, nuovi percorsi e riduzione del ruolo degli enti. Tutte le novità anche su welfare e difesa dello Statuto

Tags: Formazione, Welfare, Forestali, Statuto



PALERMO - La formazione in Sicilia non sarà più affidata solo agli operatori degli enti, ma anche a giovani laureati. Il governo pensa a un doppio albo: una fascia con l'attuale personale degli enti professionali, l'altra aperta a giovani laureati che faranno anche loro da prof ai corsisti, ma non "saranno nuove assunzioni ma professionisti iscritti negli elenchi" da cui la Regione attingerà, mettendoli a disposizioni degli enti con i quali avranno rapporti di lavoro a tempo determinato, vincolati all'attività formativa. In questo quadro proprio gli enti avranno un ruolo "marginale" rispetto al passato, il sistema ruoterà attorno alle richieste del mercato del lavoro, stop dunque ai corsi "inutili" e via a nuovi percorsi: dalle energie alternative alle lingue.
 
La formazione secondo il governatore Il governatore Rosario Crocetta, parlando con l'ANSA, ridisegna il settore. "Quella della formazione è la madre di tutte le battaglie", annuncia. Al suo fianco, Crocetta vede solo Nelli Scilabra, l'assessore cui ha affidato il compito di "fare pulizia nel sistema e che sta mettendo la sua vita e la sua passione politica a servizio di questa rivoluzione". Parlando dell'albo dei formatori, Crocetta spiega che nella seconda fascia potranno iscriversi i laureati e da questo bacino il governo prenderà le figure, non contemplate nella prima fascia, per formare i giovani in raccordo con il mondo delle imprese. "Il mercato ci chiede esperti in pannelli solari, tecnici per il fotovoltaico e le fonti alternative, esperti in lingua araba e cinese", afferma Crocetta. L'obiettivo "è cancellare definitivamente i corsi inutili, che non servono a nulla se non ad alimentare spreco di denaro pubblico e clientele", insiste il governatore.
 
L'enigma dei dipendenti Intanto, la Regione sta contando il numero effettivo dei dipendenti impegnati nel settore. "Non è vero che sono 8 mila, dalle intercettazioni nell'inchiesta della Procura di Messina emerge che sarebbero 4.800 - sostiene Crocetta - La verità è che al momento non sappiamo quanti siano in realtà. Li stiamo contando. Ci sono elenchi fasulli in giro, stiamo lavorando a una mappatura corretta". La nuova formazione che ha in mente il governatore include "solo gli enti seri". "L'accreditamento sarà rigido - annuncia - Potranno lavorare solo gli enti che dimostreranno di avere i locali, i computer, le attrezzatura necessarie". Il personale inserito nell'albo dei formatori "sarà al servizio del sistema e non degli enti". "A noi interessa creare una formazione vera - conclude - non ci interessano i problemi degli enti, sono loro a dover farsene carico".
 
Il nuovo welfare Soldi ai veri poveri. Partendo da quanto principio, per lui irrinunciabile, il governatore Rosario Crocetta annuncia che uno dei punti cardine del piano che sta preparando per sottoporlo agli alleati sarà quello della "riqualificazione del sistema del welfare". L'obiettivo è arrivare al salario minimo di solidarietà, norma che Crocetta aveva già previsto nell'ultima legge di stabilità ma che è stata impugnata dal commissario dello Stato perché ritenuta nuova spesa. E allora la riproposizione della norma passa, secondo il governatore, dalla rivisitazione del sistema sociale. Due le strade: controlli su tutti i lavoratori che benbeficiano di soldi pubblici sotto varie forme e utilizzo produttivo dei precari. Così dopo gli ex Pip e gli Asu, i controlli sui redditi saranno estesi anche alle altre categorie sociali, compresi i forestali. "Faremo una revisione di tutte le attuali misure sociali di sostegno - afferma Crocetta, conversando con l'ANSA - perché devono essere concesse solo ai poveri, mai più può accadere che la Regione abbia a carico precari milionari o persone con redditi alti. Tutto questo è spregevole e va contro i veri poveri. Faremo accertamenti rigorosi".
 
Lo statuto "Preoccupato per l'autonomia della Sicilia? No, ne avevo parlato con Renzi qualche settimana fa e mi aveva assicurato che il governo nel ddl costituzionale avrebbe garantito la salvaguardia dello statuto speciale, perché questo è nel suo progetto". Lo dice il governatore della Sicilia, Rosario Crocetta. "Ha fatto bene l'Assemblea siciliana a prendere posizione - aggiunge - ma io ero tranquillo, per averne parlato col premier".
 

Articolo pubblicato il 04 aprile 2014 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐