Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Il Pd siciliano esplode a Roma, guerra sulle candidature
di Redazione

Direzione Pd animata dallo scontro tutto siciliano tra Raciti e Crocetta sui nomi per le candidature alle europee. Una esportazione del conflitto palermitano che raccontiamo con gli spunti più importanti della giornata. Ecco i nomi dei candidati.

Tags: Pd, Direzione Pd, Roma, Sicilia, Elezioni Europee, Crocetta, Raciti



Direzione Pd: Chinnici sì, Chinnici no Scontro 'siciliano' in direzione Pd sulla capolista alle europee Caterina Chinnici. Il presidente Rosario Crocetta la boccia, il segretario regionale Fausto Raciti la difende. "Chinnici è stata assessore con Lombardo che è stato condannato per mafia: come potremo giustificare la scelta?", domanda Crocetta, che chiede di sostituire Chinnici con Giusi Nicolini. Ma Raciti difende la capolista: Chinnici ha "una fedina penale immacolata. Inviterei a verificare se nella giunta Crocetta ci sono responsabilità ben più gravi".
 
Raciti-Crocetta, non c'è tregua Caterina Chinnici "è figlia di un magistrato ucciso dalla mafia: è un valore importante. Ma pongo un tema più politico: è stata assessore col governo Lombardo che è stato condannato per mafia. Questo è un valore indistinto o la politica c'entra? Come potremo giustificare la candidatura?", dice Rosario Crocetta, prendendo la parola davanti alla direzione nazionale del Partito democratico. "Questa scelta la mediterei - chiede il presidente della Regione Sicilia - Vedrei meglio Giusi Nicolini capolista, perché come sindaco di Lampedusa è legata anche a un valore simbolico di solidarietà. Le scelte nella vita si pagano - aggiunge - sinceramente eviterei di mettere capolista una persona che è stata assessore con Lombardo". "Sono stupito dal doppiopesismo - replica Fausto Raciti - Vorrei più garbo e attenzione a non additare persone con accuse politiche gravi, visto che hanno una fedina penale assolutamente immacolata. E inviterei Crocetta a verificare se nella sua giunta ci sono responsabilità ben più gravi".
 
Veleni alla palermitana Fausto Raciti lascia il posto in lista alle europee ad Antonello Cracolici. Lo annuncia lo stesso Raciti, segretario regionale siciliano, dopo la lettura delle candidature del Pd nella circoscrizione isole. Raciti spiega di voler lasciare il proprio posto a Cracolici, che era stato escluso per far posto a Caterina Chinnici. Ma la scelta genera una nuova polemica con il presidente regionale siciliano Rosario Crocetta. Crocetta prende infatti la parola in maniera polemica e definisce la scelta di Raciti "non estranea ai conflitti nel partito". Poi propone a sua volta di sostituire in lista il nome di Nelli Scilabra con quello di Giuseppe Lumia. A quel punto interviene Matteo Orfini, che difende la proposta di Raciti e boccia quella di Crocetta. Orfini spiega infatti che il nome di Cracolici, al contrario di quello di Lumia, era stato votato e approvato dall'assemblea regionale siciliana "cento a quattro". "Nella correzione ad personam della lista" proposta da Crocetta "vedo un capriccio di corrente".
 
I nomi Dietro la capolista Caterina Chinnici ci sarà Renato Soru e quindi Giusy Nicolini, sindaco di Lampedusa. Unica deroga al tetto dei tre mandati, in tutte le circoscrizioni, è stata ammessa per l'eurodeputato uscente Gianni Pittella. Non ci saranno né Lumia né Cracolici. In lista, invece, il segretario Fausto Raciti e l'assessore alla Formazione Nelli Scilabra. Gli altri nomi sono Giovanni Barbagallo, Marco Zambuto e Tiziana Arena. 
 
Le cinque capolista Alessia Mosca per il nord ovest, Alessandra Moretti per il nord est, Simona Bonafè per "la Toscana centro - scherza Matteo Renzi - e il resto del centro", Pina Picierno per il sud e Caterina Chinnici per le isole. Sono le capolista annunciate dal segretario Pd alla direzione del partito, "5 donne punto di riferimento della scommessa del Pd in questa battaglia", conclude Renzi.
 
Spostandoci più a sinistra L'altra Europa con Tsipras per le europee di maggio 2014 si presenterà in tutte le circoscrizione di Sicilia e Sardegna. "E' una grande soddisfazione aver visto la partecipazione della gente, la vera protagonista di questa esperienza", ha detto Ermanno Giacalone coordinatore regionale della lista. "Abbiamo raggiunto abbondantemente tutti gli obiettivi posti dalla legge elettorale - ha aggiunto Giacalone - una straordinaria festa della democrazia". L'Altra Europa con Tsipras si presenterà in tutte i cinque collegi nazionali.

Articolo pubblicato il 09 aprile 2014 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus