Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Ingroia: impegno massimo per salvare l'Università di Trapani
di Redazione

L'ex pm, nella veste di commissario straordinario del Libero consorzio di Trapani, ha promesso di impegnarsi per salvare il polo universitario della città. E aggiunge: "La mafia si combatte anche con la cultura". 

Tags: Università, Trapani, Ingroia



TRAPANI - "Ritengo doveroso impegnarmi con tutte le risorse a mia disposizione perché il polo universitario di Trapani sia salvato dal rischio di chiusura che avrebbe effetti devastanti per il territorio. La mafia si combatte anche con la cultura e la tutela al diritto allo studio e alla ricerca". L'ha detto il commissario straordinario del Libero consorzio di Trapani, Antonio Ingroia, a margine del convegno "Il ruolo dell'universtà a Trapani". "Per questa ragione ho dato disposizione agli uffici di porre in essere tutti i provvedimenti necessari per deliberare la revoca dell'atto unilaterale del recesso dal Consorzio universitario di Trapani, che era stato deliberato dal mio predecessore per ragioni comprensibili ma che vanno superate, oggi che il Consorzio ha un suo futuro, e che tutte le forze politiche, a destra e a sinistra, unanimemente hanno espresso la volontà che il polo universitario continui a operare. Entro la settimana sarà deliberata la revoca". "Nel contempo - conclude Ingroia - rivolgo un appello al nuovo governo Crocetta, appena insediato, perché consenta l'operabilità di questa delibera dotando il Consorzio dei necessari fondi per mantenere in vita il Polo universitario. Di questo hanno bisogno i cittadini trapanesi per riconquistare la fiducia nelle istituzioni politiche e accademiche".
 

Articolo pubblicato il 15 aprile 2014 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus