Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia è su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Ddl pagamenti in Aula. Il 22 aprile si riparte da qui
di Raffaella Pessina

Raggiunta l’intesa in commissione Bilancio per il miliardo “Salva imprese”. Gucciardi (Pd): “È il momento della responsabilità”

Tags: Ars, Giovanni Ardizzone, Baldo Gucciardi, Gianpiero DÂ’Alia



PALERMO - Sono stati rinviati a dopo le festività pasquali i lavori dell’Assemblea regionale siciliana. I lavori sono stati fissati dal presidente dell’Ars Ardizzone a martedì prossimo alle 16. Nel corso di tale seduta sarà esaminato l’articolato del ddl pagamenti, alla luce anche degli emendamenti che saranno presentanti entro le dodici di martedì 22 aprile.

Nella seduta di ieri, anticipata al mattino, il ddl in oggetto è arrivato in Aula, dopo l’intesa raggiunta in commissione Bilancio la sera precedente, alla presenza dell’assessore all’Economia Roberto Agnello. Il presidente del gruppo parlamentare del Pd all’Ars Baldo Gucciardi ha commentato positivamente l’approvazione del ddl in commissione di merito. “Abbiamo di fronte a noi scadenze urgenti - aggiunge Gucciardi - prima il ddl ‘salva imprese’ e subito dopo la manovra-bis: il Parlamento non può più permettersi di impantanarsi in liti e infinite discussioni. È il momento della responsabilità, che deve essere dimostrata da parte di tutti: maggioranza e opposizione”.

Il testo prevede un mutuo da un miliardo di euro per il pagamento dei fornitori della pubblica amministrazione. L’opposizione ha già preannunciato battaglia in Aula. Sul fronte politico non accenna ad attenuarsi la polemica all’interno del gruppo Udc all’Ars. Il capogruppo Udc Lillo Firetto, e i colleghi Nino Dina, presidente della commissione Bilancio, Margherita La Rocca Ruvolo e Mimmo Turano in una nota si sono espressi negativamente dopo le dichiarazioni rese in Aula dal presidente della Regione Rosario Crocetta, che ha presentato la nuova giunta. “La definizione di ‘scontenti’ non fa al caso nostro - hanno detto in una nota - Siamo parlamentari dell’Udc che invocano il ripristino delle regole democratiche nel nostro partito. Fino a quando non otterremo il chiarimento, richiesto al segretario nazionale, non parteciperemo a manifestazioni. Pur tuttavia riconfermiamo il sostegno alla lista per le elezioni europee. Quanto all’azione del governo di Rosario Crocetta, ci sentiamo impegnati sulle riforme vere e non enunciative ed a Crocetta chiediamo un impegno straordinario di risanamento finanziario”.

Ieri il presidente nazionale dei centristi Gianpiero D’Alia è stato a Palermo per presentare i candidati in corsa per le Europee, tra cui il segretario regionale Giovanni Pistorio e l’assessore alla Funzione pubblica Patrizia Valenti. D’Alia ha detto di comprendere le motivazioni dei quattro parlamentari, ma ha sottolineato che l’Udc ha scelto di proseguire con il sostegno all’esecutivo, accettando le regole della coalizione della maggioranza e il modo in cui il governatore ha inteso ricomporre la compagine di governo. “Nei prossimi giorni - ha detto D’Alia - troveremo il modo e la forma per arrivare a una soluzione più unitaria possibile”.

Nel corso della seduta di mercoledì scorso il Governatore ha ufficializzato le deleghe agli assessori: alla Funzione pubblica è stata nominata Patrizia Valenti con l’aggiunta dell’incarico di Vicepresidente che sarà presto formalizzato. Alla Famiglia, lavoro e welfare con delega alla Protezione civile va Giuseppe Bruno, mentre Giusy Furnari è il nuovo assessore ai Beni Culturali. Alle Infrastrutture va Nico Torrisi, all’Economia Roberto Agnello, al Territorio e Ambiente Maria Rita Sgarlata, all’Agricoltura Ezechia Paolo Reale, all’Energia Salvatore Calleri, alle Attività Produttive Linda Vancheri, alla Formazione Nelli Scilabra, alla Sanità Lucia Borsellino e Michela Stancheris al Turismo.

Articolo pubblicato il 18 aprile 2014 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus
Il presidente del gruppo parlamentare del Pd all’Ars Baldo Gucciardi
Il presidente del gruppo parlamentare del Pd all’Ars Baldo Gucciardi