Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Docenti precari, nuove domande per le graduatorie
di Andrea Carlino

Il personale docente può chiedere l’aggiornamento del punteggio e il trasferimento ad altra provincia. Per il sostegno e l’insegnamento di inglese saranno pubblicati elenchi distinti

Tags: Scuola, Docente, Precari, Lavoro, Miur



CATANIA - Il Miur, con la nota 999 del 9 aprile 2014 ha trasmesso il Decreto ministeriale 235/14, per l’aggiornamento delle graduatorie ad esaurimento per il triennio 2014/15-2016/17. Le domande potranno essere presentate solo con modalità web dal 14 aprile al 10 maggio 2014 utilizzando l’applicazione del Miur Istanze on-line.

Il personale docente ed educativo, inserito a pieno titolo o con riserva, nella I, II e III fascia delle graduatorie ad esaurimento costituite in ogni provincia, può chiedere: la permanenza e/o l'aggiornamento del punteggio con cui è inserito in graduatoria, la conferma dell’iscrizione con riserva o lo scioglimento della stessa, il trasferimento da una ad un’altra provincia nella quale verrà collocato, per ciascuna delle graduatorie di inclusione, anche con riserva, nella corrispondente fascia di appartenenza con il punteggio spettante, eventualmente aggiornato a seguito di contestuale richiesta.
 
La richiesta di trasferimento da una ad altra provincia comporta, come rileva una nota della Flc Cgil, il trasferimento da tutte le graduatorie in cui l’aspirante è iscritto e, conseguentemente, la cancellazione da tutte le graduatorie della provincia di provenienza. La riserva, per coloro che non hanno ancora acquisito il titolo di abilitazione, può essere sciolta, con una specifica procedura on-line, entro il 10 maggio 2014. Contestualmente allo scioglimento della riserva sarà attribuito il punteggio relativo all’abilitazione conseguita. Chi non acquisisce il titolo entro quella data resta comunque in graduatoria con riserva che potrà sciogliere negli anni successivi secondo le modalità fissate dal Ministero.

L’iscrizione con riserva non consentirà all’interessato la possibilità di stipulare contratti a tempo indeterminato e a tempo determinato né dalle graduatorie ad esaurimento né dalle corrispondenti graduatorie d’istituto di I fascia. Naturalmente sarà possibile acquisire supplenze dalla III fascia d’istituto come non abilitati, qualora si sia inclusi o si chieda l’inclusione nella stessa. Si possono dichiarare tutti i nuovi titoli conseguiti dopo l’1 giugno 2011 (data di scadenza delle domande precedenti).
Per coloro che sono nella fascia aggiuntiva si possono dichiarare i titoli conseguiti dopo il 10 luglio 2012. È possibile chiedere anche la valutazione di titoli precedenti non dichiarati e valutati. I titoli e i servizi già dichiarati mantengono la loro valutazione.
 
Non è possibile modificare le scelte fatte negli anni precedenti sia rispetto ai 30 punti sia rispetto ai servizi non specifici. Sarà compito delle singole sedi territoriali dell’Usr pubblicare le graduatorie. I singoli candidati saranno graduati con il punteggio complessivo e in base ai titoli di preferenza o precedenza. Per il sostegno e per l’insegnamento dell’inglese nella scuola primaria saranno pubblicati elenchi distinti. I reclami vanno presentati alla sede territoriale - Usr entro 5 giorni dalla pubblicazione delle graduatorie provvisorie. I ricorsi avverso le graduatorie definitive vanno presentati in base alla previsione degli ordinamenti (recente sentenza Corte di Cassazione: giudice ordinario).
 


Le inefficienze. Al momento attuale i candidati potranno solo “salvare” i dati
 
Non mancano però le polemiche sulla gestione del sistema informatico. Ai problemi di rallentamento ed interruzione di connessione del sistema telematico predisposto dal Miur, si aggiungono anche quelli con la pagina precompilata da correggere per la presenza di rifusi. I candidati, quindi, al momento possono solo “salvare” i loro dati relativi all’aggiornamento delle GaE. Si tratta di un’ulteriore disservizio, tutt’altro che trascurabile, che non fa altro che avvalorare la richiesta dei sindacati di spostare in avanti la scadenza per l’invio telematico delle domande, al momento fissata al 10 maggio. La Cisl Scuola, vista la situazione, ha  chiesto di far cadere “l’obbligo dell’invio delle domande attraverso istanze on line, ripristinando in via eccezionale la modalità di invio cartaceo. Comunque, dal Miur sembrano coscienti delle problematiche che stanno riguardando la compilazione e l’inoltro delle domande: proprio per migliorare il servizio, il dicastero di Viale Trastevere ha predisposto un questionario, “postato” on line, attraverso cui chiede agli interessati all’aggiornamento delle GaE di rispondere “ad alcune semplici domande”. È stata intanto attivata l’applicazione per verificare la consistenza delle graduatorie cliccando su http://hubmiur.pubblica.istruzione.it/web/istruzione/cons_asp_grad_2014.

Articolo pubblicato il 24 aprile 2014 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus