Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Alfredo Alessandra: «Ipa: 17,6 mln di euro in migliorie aziendali»
di Desirée Miranda

Forum con Alfredo Alessandra, dirigente Ispettorato provinciale Agricoltura Catania

Tags: Alfredo Alessandra, Agricoltura, Catania



Quali sono le vostre attività principali?
“L’ispettorato di Catania è l’ufficio provinciale dell’assessorato regionale dell’Agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea. Il nostro è un servizio complesso organizzato in una sede centrale sita a Catania e nove sedi periferiche ubicate in altrettanti comuni. Quale struttura periferica l’ufficio gestisce in particolare tutti gli aiuti comunitari previsti dal Psr Sicilia 2007/2013, in particolare per tutte le misure di competenza: la misura 111 riguardante la formazione, la misura 112 riguardante il pacchetto giovani, quella 121 sui miglioramenti aziendali e ancora quella 123 sul miglioramento del valore aggiunto nel settore della commercializzazione. Non dobbiamo inoltre dimenticare la misura 126 per il ripristino legato a calamità naturali, la misura 132 sui sistemi di qualità, la misura 216 per gli investimenti non produttivi in aziende agricole, la misura 311 sull’agriturismo, nonché le misure agroalimentari quali le misure 211, 212 e 214”.

Oltre al Psr Sicilia, vi occupate di altre tipologie di misure?
“Oltre al Psr Sicilia 2007/2013, ci sono le misure relative all’Ocm (organizzazioni comuni di mercati) viticoltura con i bando relativi agli investimenti ed alla ristrutturazione dei vigneti. Gestiamo inoltre altri aiuti finanziati con fondi regionali quali aiuti al settore agrumicolo con il relativo bando agrumicolo 2013 e gli aiuti previsti per la “Tristezza”. Un altro settore di competenza importante è quello Uma (utenti macchine agricole), in materia di carburante agricolo agevolato, in quanto ogni anno rilasciamo circa 5500 dispositivi ad altrettante ditte. Ci sono ancora, i controlli sulla rendicontazione delle Op, le organizzazioni di produttori, che a Catania sono una decina”.

Quali sono i risultati raggiunti nel 2013?
“L’anno scorso è stato particolarmente complicato per quanto riguarda la gestione tecnico amministrativa dei progetti finalizzata alla liquidazione degli aiuti quali anticipazioni o saldi. La grave crisi economica che ha colpito tanti settori produttivi ed anche il settore agricolo, nonché la perdurante difficoltà di accesso al credito, hanno costretto tante imprese agricole o a richiedere una o più proroghe per completare i lavori previsti in progetto oppure a presentare domande di saldo riducendo gli importi finali rispetto a quelli impegnati del 30/40 per cento. Pur tuttavia l’obiettivo di spesa assegnato dall’assessorato regionale pari a 167 milioni 295 mila 432 euro, è stato raggiunto con una spesa complessiva di 183 milioni 113 mila 870 euro, pari al 109 per cento dell’obiettivo. L’Ipa di Catania ha contribuito al raggiungimento dell’obiettivo regionale con una spesa complessiva di 17 milioni 614 mila euro, che personalmente ritengo un ottimo risultato. Una misura in particolare, la 121, ha consentito la maggiore spesa con quasi 10 milioni e 500 mila euro destinati”.
 
Quali sono le principali criticità dell’agricoltura in provincia?
“Le criticità riscontrate in provincia sono quelle tipiche di tutto il settore agricolo: eccessiva frammentazione della proprietà agricola; assenza di una cultura imprenditoriale associativa, accesso al credito. Le associazioni tra produttori sono molto importanti, dobbiamo lavorare per cambiare l’attuale mentalità, e per farlo abbiamo due strade: premiare i progetti di associazioni; prevedere percentuali di contributo per progetti di giovani e collettivi”.

Quali sono gli obiettivi per il 2014?
“Il dirigente generale ce li ha comunicati da pochi giorni. All’Ipa di Catania è stato assegnato un obiettivo di spesa per il Psr Sicilia 2007/2013 pari a 24 milioni 146 mila 497 euro per tutte le misure ad investimento. A questi si dovranno sommare le misure agroalimentari. Tale obiettivo tiene conto dei tanti progetti che dovrebbero definirsi nei prossimi mesi. Ci sono circa 50 progetti che riguardano la misura 121, ad esempio, che ci faranno impiegare circa 20 milioni di euro”.

Ci sono bandi attivi in questo periodo?
“Ce n’è uno in chiusura per quanto riguarda le misure 211 e 212. In cantiere c’è un bando per la misura 214 per aiuti in campo biologico e lotta integrata che si articola in tre sezioni: contributo integrato, contributo biologico e contributo per animali in via d’estinzione”.
 

 
Curriculum Alfredo Alessandra
 
Alfredo Alessandra, classe 1957, nel 1982 si laurea in scienze agrarie presso l’università degli studi di Catania e lavora come libero professionista Agronomo fino al 1992. Dal 1993 al 1997 è dirigente dell’assessorato regionale Agricoltura e foreste presso la Condotta Agraria di Noto. Dal 1998 al 2001 è dirigente responsabile del gruppo terzo presso l’ispettorato provinciale Agricoltura di Siracusa. Dal 2002 al 2010  è dirigente generale dell’Uob n. 171 e amministratore provvisorio del Consorzio di Bonifica n. 10. Dal 2010 è dirigente dell’Ispettorato provinciale Agricoltura di Catania.

Articolo pubblicato il 25 aprile 2014 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus
Alfredo Alessandra, dirigente Ispettorato provinciale Agricoltura Catania
Alfredo Alessandra, dirigente Ispettorato provinciale Agricoltura Catania