Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Pasquasia, il Tribunale conferma: illegale la bonifica della miniera-discarica
di Redazione

Il Riesame ha rigettato il ricorso proposto da Pasquale Gattuso, legale rappresentante della 1 Emme, azienda a cui è stato affidato l'appalto. Restano i sigilli sul sito minerario. Le ipotesi di reato vanno dal traffico illecito di rifiuti tossici all'associazione per delinquere

Tags: Caltanissetta, Pasquale Gattuso, Pasquasia



Per il Tribunale del Riesame di Caltanissetta le modalità illecite di gestione dei lavori di bonifica del sito minerario dismesso di Pasquasia, affidati alla ditta 1 Emme soluzioni ambientali srl, erano "il normale modus operandi nella conduzione dei lavori".
 
Appare evidente, inoltre, ai giudici "l'esistenza del fine specifico di profitto (sia in termini di risparmio di costi che di guadagno illecito in virtù di operazioni non rientranti nella gestione ordinaria prevista, come l'asportazione fraudolenta del materiale ferroso) che ha ispirato l'intera operazione".
 
Con queste motivazioni, il Riesame ha rigettato il ricorso proposto dal Pasquale Gattuso, legale rappresentante della 1 Emme, che chiedeva il dissequestro del sito e delle somme in sequestro. Il sequestro, eseguito a marzo su disposizione della Direzione distrettuale antimafia di Caltanissetta, era stato preceduto da un'operazione analoga che aveva portato anche all'arresto di cinque persone trovate con una grossa quantità di rame e di altri rifiuti ferrosi rubati nel sito minerario.
 
Sequestrata pure una somma di denaro trovata all'interno di automezzi provenienti dal casertano sul quale si sarebbe dovuto trasportare il rame. Le ipotesi di reato per cui si procede vanno dal traffico illecito di rifiuti tossico nocivi all'associazione per delinquere finalizzata alla frode in pubbliche forniture ed a vari reati contro la pubblica amministrazione e la fede pubblica.
 
“È emerso - si legge nel pronunciamento del Riesame - che i rifiuti ferrosi e di amianto presenti all'interno del sito minerario venivano trattati con delle modalità di gestione che consentivano di configurare quella condizione di totale illegalità di conduzione del cantiere ipotizzata dal pm e convalidata dal gip".
 
In particolare, i giudici fanno riferimento alle verifiche a campione su cinque semirimorchi contenenti 106 tonnellate di cemento amianto prelevate da Pasquasia. I tecnici dell'Arpa e del Noe dei carabinieri hanno analizzato un pacco di lastre per ogni semirimorchio constatando che la "superficie delle lastre non era stata preliminarmente trattata per rendere efficace il riferimento incapsulante; inoltre, la vernice incapsulante, necessaria al fine di evitare l'aerodispersione delle fibre di amianto, risultava non uniformemente distribuita".
 
La prova, secondo il collegio, viene fornita dalle intercettazioni. In un dialogo del 22 gennaio scorso, il dipendente della 1 Emme, Giacomo Aranzulla, chiedeva al direttore tecnico Sergio Lo Faro perché l'incapsulante non venisse passato sia nella parte superiore che in quella inferiore delle lastre.
 
Lo Faro rispose che questa procedura non veniva seguita per risparmiare. Il Riesame ha affrontato anche la gestione dei rifiuti ferrosi, avvalendosi delle dichiarazioni del coindagato Vicari, arrestato per furto di rame dalla miniera di Pasquasia. Vicari ha raccontato dell'accordo tra lui e un funzionario della Forestale, fatto l'estate scorsa, per la "depredazione del sito minerario".
 
Un altro accordo sarebbe stato fatto tra Vicari e Gattuso per la "sottofatturazione - scrive il Riesame - del ferro che veniva acquistati per un prezzo pari alla metà del valore effettivo". Queste dichiarazioni evidenziano, secondo i giudici, "l'esistenza di un più ampio sistema di illegalità all'interno del sito con la consapevolezza e anzi per iniziativa dei referenti della società appaltatrice".
 

Articolo pubblicato il 28 aprile 2014 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus