Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Cas: venderlo subito all’asta
di Rosario Battiato

Consorzio per le autostrade siciliane inadempiente: bilanci 2012 e 2013 non approvati, altri in rosso, scarsa manutenzione. Disastrosi risultati di 10 anni di commissari. Il presidente Faraci: “Invertire la rotta”

Tags: Cas, Autostrada



PALERMO - Per il Consorzio per le autostrade siciliane non è una novità trovarsi al centro del dibattito regionale. Fu condannato e aggredito da Crocetta all'inizio del suo mandato per lanciare segnali di rivoluzione mai attuati ed è tornato in auge in seguito all'attacco di tre parlamentari regionali e nazionali del Ncd che, di recente, ne hanno chiesto la revoca di concessione delle tratte. Un'abitudine pericolosa che ha portato il Cas a essere da sempre associato a vivaci polemiche, scandali e inefficienza.
Non male per un ente che esiste dal 1997 e che, dalla sua nascita, ha raccolto oltre dieci anni di commissariamento. Forse una Sicilia senza Cas non sarebbe migliore, come ha spiegato il presidente Faraci intervistato all'interno del servizio, ma di certo una Sicilia con questo Cas non può sperare di avere autostrade efficienti e una gestione virtuosa e lungimirante del patrimonio stradale.

Articolo pubblicato il 29 aprile 2014 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus