Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Catania - Comune, quella calma apparente con una crisi finanziaria irrisolta
di Daniela Raciti

Sindacati sul piede di guerra. L’assessore Riva rassicura: “Stiamo rispettando gli impegni”. Difficolta per gli stipendi Amt e le cooperative, congelati i pagamenti ai fornitori

Tags: Catania, Sindacati, Amt, Gaetano Riva, Palazzo Degli Elefanti



CATANIA - Il Comune ancora alle prese con le difficoltà economiche e con una crisi finanziaria per nulla risolta. Sono le voci che si rincorrono negli ambienti finanziari di Palazzo degli Elefanti dove, nonostante la calma apparente, i problemi di gestione quotidiana della macchina comunale persistono. Così, la scorsa settimana si temeva persino per il pagamento degli stipendi ai dipendenti comunali, arrivati però negli ultimissimi giorni, senza ritardi dunque. I sindacati del settore trasporti, al contrario, già la settimana scorsa erano sul piede di guerra lamentando le continue difficoltà dell’Amt.

In una nota inviata alcuni giorni fa al prefetto Santoro e al sindaco Stancanelli, i segretari di Filt Cgil, Fit Cisl, e Uiltrasporti annunciavano la proclamazione di una giornata di sciopero in assenza dei fondi necessari al pagamento degli stipendi dei lavoratori. Una preoccupazione legittima, quella delle organizzazioni sindacali, ma l’azienda di trasporti ha comunque assicurato il regolare pagamento dei dipendenti.

A breve però, come annuncia la Funzione pubblica della Cgil, ripartirà la vertenza delle cooperative che gestiscono gli asili nido comunali. Una vertenza datata e che in passato ha fatto registrare tensioni: i lavoratori delle cooperative – stando alle promesse dell’amministrazione – avrebbero già dovuto ricevere gli arretrati di maggio e giugno “ma ad oggi non risulta alcun pagamento”, lamenta Corrado Tabbita Siena della Fp-Cgil.

Insomma, tante vicende che fanno comprendere come le difficoltà economiche di Palazzo degli Elefanti non siano ancora superate. C’è chi dice, in ambienti finanziari, che per questo mese si sia riusciti a stento a pagare i dipendenti ma che tutto il resto sia stato “congelato”, a partire dal pagamento degli arretrati accumulati in passato con i fornitori e ancora da “smaltire”.
Rassicura tutti invece l’assessore al Bilancio: “Stiamo rispettando gli impegni e le prossime scadenze – sottolinea Gaetano Riva – Abbiamo inoltre già predisposto il riequilibrio di bilancio, una manovra che certifica la stabilità dei conti comunali”. La manovra – che presto sarà valutata dal Consiglio comunale – supererebbe i dieci milioni di euro, con diverse variazioni di bilancio ma l’assessore parla di “operazioni di routine”. Non nasconde comunque qualche difficoltà, Riva, addebitandola “alla riduzione dei trasferimenti regionali, che per il 2009 si attesta sui quattro milioni di euro”.
 

 
Bianco (Pd). Forze dell’Ordine “Rafforzare gli organici”
 
CATANIA - “A Catania c’è una vera emergenza criminalità che soltanto una forte e convinta azione di contrasto e prevenzione può arginare. Alle forze di polizia servono rinforzi e risorse per contrastare questa recrudescenza di violenza. Chiedo dunque al ministro Maroni di rafforzare gli organici di polizia e carabinieri per garantire la sicurezza dei cittadini”. Lo afferma il senatore del Pd Enzo Bianco commentando gli ultimi episodi di criminalità a Catania. Bianco, chiede anche al Comune e agli enti locali di “completare gli iter per le strutture che dovranno ospitare le forze dell’ordine”.   
“La città - afferma Bianco - sembra essere tornata a vivere anni bui, con gli omicidi di mafia che vengono eseguiti in pieno centro e una criminalità che non si ferma davanti a niente. Le forze dell’ordine non sono sufficientemente dotate di organici e mezzi. Sulla sicurezza dei cittadini non è ammesso temporeggiare - conclude Bianco - ma occorre agire subito per contrastare un fenomeno che assume toni sempre più preoccupanti”.

Articolo pubblicato il 30 settembre 2009 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐