Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia è su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Catania - Impianto di cremazione: tutto bloccato
di Desirée Miranda

L’assessore ai Lavori pubblici, Bosco: “Vogliamo costruirlo, ma si dovrà pensare a nuovi spazi. Stiamo cercando una soluzione”. Il progetto del Comune di Catania è pronto dal 2008, ma da allora è rimasto chiuso in un cassetto

Tags: Catania, Cremazione, Luigi Bosco



CATANIA - Il progetto esecutivo per la realizzazione di un impianto di cremazione all’interno del cimitero di Zia Lisa è pronto dal 2008, ma oggi, lì dove la struttura dovrebbe sorgere, non c’è ancora nulla. Non solo l’impianto non esiste, ma l’amministrazione comunale non è nemmeno in grado di fornire tempi certi per la sua realizzazione.

Il problema è che, seppure le varie amministrazioni che si sono succedute - compresa quella attuale guidata da Enzo Bianco – abbiano inserito il progetto nel Piano triennale delle opere pubbliche e dichiarato pubblicamente l’intensione di dare questo servizio ai cittadini catanesi e non solo, il terreno non sarebbe più disponibile. Si è venuta a creare, infatti, una strana situazione secondo cui il terreno destinato all’impianto di cremazione dall’allora sindaco Umberto Scapagnini, è stato poi destinato a un altro progetto, a quanto pare di una confraternita, per la realizzazione di spazi tombali.

“L’impianto di cremazione vogliamo farlo – ha spiegato l’assessore ai Lavori pubblici Luigi Bosco -  ma si dovrà pensare a nuovi spazi, oltre che a revisionare il progetto che ormai è almeno in parte superato”. Nessun chiarimento sul perché debba essere trovato un altro spazio per l’impianto di cremazione, primo destinatario del terreno, e non per il progetto della confraternita. Va infatti considerato che, a oggi, il terreno è ancora libero.

“Stiamo cercando una soluzione” ha aggiunto Bosco. Mentre l’assessore all’Ecosistema urbano, Rosario D’agata ha spiegato che l’amministrazione attende di “capire se è possibile realizzare entrambi i progetti sulla stessa aerea. Aspettiamo la relazione degli uffici”.

Le idee non sono chiare e dunque si dovrà attendere ancora affinché i catanesi possano avere questo servizio da parte dell’amministrazione. Eppure il progetto esecutivo è nei cassetti di Palazzo degli Elefanti da anni.  A chiedersi il perché di questi ritardi è anche Maurizio Zappalà, architetto incaricato dal Comune nel 2004 per la progettazione definitiva ed esecutiva per la parte edile-civile dell’impianto di cremazione. “La conformità con gli obiettivi delle normative vigenti – ha affermato - l’impatto urbanistico e ambientale dell’intervento, la particolare integrazione tra più azioni previste, la qualità delle caratteristiche tecnologiche e il grado di fattibilità, fanno sì che la mia proposta, che gode di tutte le autorizzazioni di legge e dell’approvazione tecnica d’ufficio, sia volta a garantire un reale e concreto servizio per la cremazione nell’hinterland catanese”.

“Tutto è in regola – ha ribadito - e pronto da tempo, ma quello che manca è la volontà politica. Non si spiega altrimenti perché si spinga per spostare il primo progetto piuttosto che il secondo”.

L’impianto di cremazione di Catania, per cui è stata destinata una superficie di circa 4.500 metri quadrati, dovrebbe essere costituito da una sala cerimonie, un ambiente ottagonale destinato a tutti i tipi di riti religiosi e laici, un crematorio e un’area di attesa interna ed esterna dove trascorrere il tempo tra le due funzioni. Prevista anche una sala per la vestizione e preparazione di chi officerà le esequie e una sala d’attesa per i parenti, dove prima della restituzione delle ceneri del defunto potranno seguire, attraverso una tv a circuito chiuso, tutti i passaggi del feretro. Previsto, infine, uno specchio d’acqua all’interno della sala per i funerali e un giardino esterno.

Articolo pubblicato il 01 maggio 2014 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus
Due rendering del progetto per l
Due rendering del progetto per l'impianto di cremazione
Luigi Bosco, lÂ’assessore ai Lavori pubblici
Luigi Bosco, lÂ’assessore ai Lavori pubblici
Rosario DÂ’Agata, lÂ’assessore allÂ’Ecosistema urbano
Rosario DÂ’Agata, lÂ’assessore allÂ’Ecosistema urbano