Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Festa del lavoro e tetto di Matteo
di Carlo Alberto Tregua

Regione/Ars, dirigenti a 150.000 euro

Tags: Regione Siciliana, Ars



Il 24 aprile è entrato in vigore il Decreto legge 66/14, meglio conosciuto come quello che ha dato gli 80 euro al mese ai dipendenti con reddito fino a 26.000 euro l’anno lordi, e ha ridotto l’odiosa Irap (la tassa sul lavoro) a carico delle imprese, dal 3,9 al 3,5 % dell’aliquota base (art. 2).
Ma il decreto contiene tante altre norme importanti che i giornalisti del ramo dovrebbero conoscere per pubblicarne i contenuti avendo letto i 51 articoli e il centinaio di pagine di cui è composto.
All’articolo 3 si trova l’incremento delle ritenute su interessi e plusvalenze dal 20 al 26 % delle rendite finanziarie, provvedimento anche in testa alle banche che, sulle plusvalenze delle quote Bankitalia, dovranno pagare circa 1,8 miliardi perché la ritenuta passa dal 12 al 26 %.
L’articolo 8 sancisce la trasparenza e la razionalizzazione della spesa pubblica per beni e servizi obbligando le amministrazioni a registrare tutte le fatture sulla piattaforma del Mef (Ministero dell’economia e finanza) con l’indicatore di tempestività dei pagamenti.  

È aumentata la sanzione per i dirigenti che non ottemperano all’obbligo di trasparenza.
È previsto che Stato, Regioni e Comuni debbano diminuire le loro spese annuali di 700 milioni cadauno, comprese le Regioni e le Province autonome. I contratti vigenti con le Pa devono ridurre i propri importi del 5% per tutta la durata residua ovvero le amministrazioni hanno la facoltà di recedere senza penalità.
L’Autorità per la vigilanza dei contratti pubblici (Avcp), tiene l’anagrafe unica delle stazioni appaltanti. Nel suo ambito è istituito l’elenco dei soggetti aggregatori tra cui Consip e una centrale di committenza per ciascuna regione (art. 9), in modo che nessuna Pa possa acquistare alcun bene o servizio a un prezzo superiore a quello minimo indicato. Si tratta di un tetto agli abusi e alla corruzione, perché sino ad oggi le Pa non avevano vincoli in questo senso.
Art. 10: l’Autorità indicata prima ha la facoltà di utilizzare la GdF e tutte le altre pubbliche amministrazioni di controllo per ottenere il rispetto di quanto prescrive l’articolo 9.
Interessante è il titolo del capo II: Amministrazione sobria. L’art. 13 prevede che da oggi il limite massimo retributivo riferito al primo presidente della Corte di Cassazione è fissato in euro 240.000 euro annui lordi.
 
Nel limite massimo indicato sono compresi compensi per prestazioni occasionali o altri. Anche la Banca d’Italia, pur nella sua autonomia, deve adeguare il proprio ordinamento all’articolo descritto. Vi è un tetto per gli incarichi di consulenza (art. 14).
Per quanto concerne le auto blu, la Pa di qualunque livello non può sostenere un ammontare superiore al 30% della spesa sostenuta nel 2011 per l’acquisto, la manutenzione, il noleggio e l’esercizio di autovetture, nonché per il noleggio di buoni taxi (art. 15).
Il Dl (all’art. 17) chiede alle istituzioni autonome, Presidenza della Repubblica, Camera dei deputati, Senato e Corte Costituzionale, di adeguarsi a questo indirizzo. La presidente della Camera, Laura Boldrini, ha già messo all’ordine del giorno dell’ufficio di presidenza, l’applicazione del limite massimo di retribuzione dei dirigenti della Camera a 240.000 lordi l’anno, tutto compreso. Attendiamo di sapere le determinazioni del presidente del Senato e del Quirinale. 

Fatta questa breve descrizione di una parte del Dl citato (ci riserviamo di ritornare sull’altra parte), facciamo alcune considerazioni.
Oggi è la festa del lavoro, non del posto di lavoro. Vanno festeggiati insieme ai dipendenti anche i lavoratori autonomi, fra cui piccoli imprenditori, piccoli agricoltori, artigiani ed altri.
Il presidente della Regione commette un reato etico quando cerca le risorse per pagare 30.000 inutili stipendi a forestali, precari, dipendenti del 118 ed altri, privilegiati perché raccomandati. Crocetta dimentica i 368.000 disoccupati. Se vuole pagare i 30.000 stipendi come beneficenza, non si vede perché non debba pagare 368.00 assegni di beneficenza ai disoccupati, che non sono siciliani di serie B.
Per quanto riguarda la Pa regionale, Crocetta prenda al volo l’indicazione di Davide Faraone, braccio destro di Renzi, e fissi per decreto il limite massimo di retribuzione dei dirigenti generali, premi compresi, in 150.000 euro (sono sempre strapagati) e tagli del 50% gli stipendi ai dirigenti di seconda e terza fascia. Lo stesso faccia Ardizzone all’Ars.
Il tempo della palude è finito, ora bisogna agire con sobrietà. Appunto!

Articolo pubblicato il 01 maggio 2014 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐