Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Catania - Fogne, acqua, rifiuti e bilancio le spine per il prossimo sindaco di Aci Castello
di Desirée Miranda

Adamo, Drago, Marino, Sangilles, Santagati. Forza Italia a braccetto con Ncd, Crocetta senza Pd. Cinque candidati ad Aci Castello: riflettori accesi sui tanti problemi da risolvere

Tags: Filippo Drago, Acicastello



ACI CASTELLO (CT) - Giuseppina Leda Adamo, Filippo Drago, Maurizio Marino, Consolato Mario Sangilles e Carmencita Santagati sono i cinque candidati, in rigoroso ordine alfabetico, alla poltrona di primo cittadino del Comune di Aci Castello. La data di voto è fissata per il prossimo 25 maggio, in concomitanza con le elezioni europee e le operazioni di voto si svolgeranno dalle ore sette alle ore 23 della domenica. Le operazioni di scrutinio inizieranno invece lunedì 26 alle ore 14 e l'eventuale turno di ballottaggio è fissato per domenica 8 giugno.

Filippo Drago
, il sindaco uscente di espressione di centro destra, è il candidato con il maggiore numero di liste a sostegno. Si tratta del partito a cui è iscritto, Forza Italia che, per l’occasione, a differenza di quanto accade a livello nazionale, ha creato una coalizione con il Nuovo Centro destra guidato da Angelino Alfano, ex braccio destro di Silvio Berlusconi. A sostegno di Filippo Drago, inoltre, ci sono tre liste civiche: Progetto Acicastello, Movimento civico il paese che vogliamo e Grande Acicastello. E se Forza Italia e il Nuovo centro destra hanno deciso di mettersi insieme per cercare di ottenere il maggior numero di voti possibile, non hanno fatto lo stesso il Pd e il Megafono che pure nel Comune di Catania governano insieme. Così il Megafono del presidente della Regione Rosario Crocetta, insieme alle liste civiche Insieme per Acicastello e Acicastello Futura, sostiene il candidato Carmencita Santagati, già consigliere nel Comune rivierasco come in quello etneo, in cui è stata anche assessore nella giunta di Raffaele Stancanelli.

Il partito democratico, invece, insieme con il Csa Cambiamento (Centro studi Acitrezza) ha deciso di percorrere una strada diversa e candidare a primo cittadino Maurizio Marino. Mario Consolato Sangilles è il quarto candidato al Comune castellese. Per lui il sostegno della lista civica L’Altra Aci “per prenderci la responsabilità di gestire la cosa pubblica”, scrivono nel programma disponibile come tutti quelli degli altri candidati nella sezione dedicata della pagina del Comune.

Giuseppina Leda Adamo è poi il candidato del Movimento cinque Stelle che come in tutte le tornate elettorali, quali che siano, si presenta senza l’appoggio di nessun altro partito o lista civica. Tanti i problemi comunali che i candidati dovranno affrontare, dalla viabilità come parcheggi, strade ed anche il mancato collegamento tra il lungomare di Acicastello e quello di Acitrezza, alla struttura geologica del territorio, passando per il sistema fognario per cui si discute da anni della realizzazione di una condotta di collegamento con il collettore di salvaguardia di Pantano d’Arci a Catania, ma per cui non si è mai realizzato nulla oltre i progetti. Ma c’è anche il problema idrico, quello del riciclo dei rifiuti, dell’assistenza sociale, dell’informatizzazione, dello sport. Solo per fare qualche esempio. Il tutto dovendo fare i conti con le ristrettezze di bilancio dettate dalla non rosea situazione economica dell’ente, che dunque rappresenta il primo dei problemi.

Articolo pubblicato il 09 maggio 2014 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus