Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Caltanissetta - Scat: riprendono i collegamenti
di Nicola Digiugno

Grazie all’incasso di un credito risalente al 2010 il servizio di trasporto pubblico è tornato in funzione. Riattivata, anche se solo temporaneamente, la linea 1 S. Barbara-S. Elia

Tags: Caltanissetta, Scat



CALTANISSETTA – A distanza di quaranta giorni dal via alla protesta, si muove qualcosa sul fronte Scat. È stata infatti riattivata la linea 1 Santa Barbara-Sant’Elia, seppure per tre settimane. Ciò “premesso che a oggi non abbiamo avuto alcun riscontro circa una possibile soluzione da adottare per riprendere l’erogazione del servizio ai cittadini nisseni, nonostante la responsabilità di quanto sta accadendo non sia certamente della Scat” ha fatto sapere Roberta Leonardi, presidente della cooperativa.

“Abbiamo sempre avuto a cuore – ha aggiunto - la soddisfazione dei cittadini, in particolare di quelli che usano l’autobus, dimostrandolo in questi anni durante i quali, nonostante le gravi difficoltà finanziare dovute sempre al mancato rispetto dei termini contrattuali da parte della Pubblica amministrazione. Abbiamo sempre continuato a erogare i servizi a discapito dei lavoratori che hanno percepito le retribuzioni con notevoli ritardi”.

Come spiegato dalla stessa Leonardi - la quale si è detta consapevole di come molti cittadini “stanno ingiustamente subendo un notevole danno” e speranzosa circa la possibilità che “il Comune, titolare del servizio, possa intervenire per ripristinare quanto prima la normalità” - avendo la società incassato un esiguo credito risalente al 2010 è stata riattivata “con la frequenza di 60 minuti, la linea di collegamento del Villaggio Santa Barbara con la città, effettuando per tutte le corse il collegamento con l’Ospedale Sant'Elia 1”.

“Considerato che le attuali disponibilità finanziarie ci permetterebbero di riattivare solo una linea – ha aggiunto - pur essendo stato complicato scegliere tra le sei linee del programma di esercizio, si è optato per il collegamento del Villaggio alla città, tenuto conto della distanza e del fatto che i cittadini sono oggettivamente più disagiati nel raggiungere il centro, anche a causa della mancanza di infrastrutture pedonali e della pericolosità del percorso”.

Come detto, però, la riattivazione sarà temporanea, “in quanto le risorse ci permetteranno di garantire il servizio solo per tre settimane, all’infuori di un intervento del Comune sul pagamento di quanto dovuto alla Scat, che ci metta nella condizione di potere riprendere il regolare servizio”.
Continuerà, quindi, anche il sit-in di protesta che i lavoratori soci della cooperativa hanno attivato in piazza Garibaldi.

Articolo pubblicato il 20 maggio 2014 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus