Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Commercio via Internet, in Italia giro d’affari da 13 mld di euro all’anno
di Rosario Battiato

I comparti più in crescita rispetto al 2013 sono l'informativa, l'editoria, il grocery, l'abbigliamento e il turismo. Numeri ancora striminziti per la Sicilia che ottiene i risultati migliori soprattutto con le Pmi

Tags: Ecommerce



MILANO – Un flusso sempre maggiore di utenti web accresce inevitabilmente anche il volume d'affari dell'eCommerce. Una verità confermata dai numeri diffusi in occasione del 9° eCommerce Netcomm Forum, l’appuntamento dedicato al commercio elettronico.

L'Osservatorio eCommerce B2C Netcomm - School of Management Politecnico di Milano, ha rilevato la continua crescita del settore: la stima del fatturato per il 2014, ottenuto dalle vendite dei siti italiani, supererà i 13 miliardi di euro. I comparti maggiormente in crescita rispetto al 2013 sono l’informatica (+32%), l’editoria (+28%), il grocery (+23%), l’abbigliamento (+21%) e il turismo (+11%). In crescita del 21% l’export, composto per il 33% dall’abbigliamento e per il 54% dal turismo, per un valore totale di oltre 2 miliardi di euro.

Per potenziare ulteriormente il settore, e quindi provvedere all’abbattimento delle barriere tecnologiche e delle resistenze psicologiche che ancora ne limitano lo sviluppo in rilevanti segmenti di clientela potenziale, si stanno studiando soluzioni alternative. In prima linea ci sono le proposte per consentire agli utenti più tradizionalisti di superare l'incertezza dovuta al pagamento elettronico. A tale proposito Camilla Folladori, responsabile payments and services di Sisal, intervenuta durante l’evento, ha diffusamente parlato di un nuovo servizio che permetterà di creare una convergenza “tra i canali fisici e digitali, dando la possibilità ai consumatori di poter usufruire della rete SisalPay per effettuare i pagamenti degli acquisti fatti on-line”.
Un accordo tra SisalPay e HiPay, società specializzata in pagamenti on-line, che consentirà di pagare nei punti di pagamento SisalPay gli acquisti effettuati sui siti di e-commerce che utilizzano la piattaforma HiPay.

Per inquadrare il fenomeno siciliano in materia di ecommerce bisogna rifersi al focus siciliano del nono Rapporto Piccole imprese diffuso da Unicredit. In Italia l’e-commerce non vanta ancora numeri stratosferici, anche se va rilevato che ha un ruolo maggiore tra le piccole imprese rispetto a quelle medio-grandi. In particolare tra le pmi nazionali il 19,1% delle vendite totali è realizzato online, mentre, per quanto riguarda gli acquisti, il dato si attesta al 23,9%.

Venendo ai dati siciliani lo scenario è sostanzialmente simile: il 20,3% del fatturato delle piccole imprese siciliane è realizzato online, mentre gli acquisti tramite canali telematici raggiungono il 22,1%. In questo scenario si evidenzia come il 47,1% delle piccole imprese che esportano svolgono la loro attività di vendita all’estero proprio tramite il commercio elettronico.

Articolo pubblicato il 21 maggio 2014 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus