Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Palermo - Zona a traffico limitato per i mercati storici
di Redazione

La decisione è stata presa dalla Giunta comunale di Palermo

Tags: Palpermo, Traffico, Ztl, Leoluca Orlando



PALERMO - Zone a traffico limitato nei mercati storici della città: Capo, Sant’Agostino, via Bandiera, Vucciria, via Candelai, via Divisi e Ballarò. Lo ha deciso la Giunta comunale nel corso della seduta di ieri pomeriggio. “I mercati storici – ha dichiarato il sindaco Leoluca Orlando - sono teatri all’aria aperta di umanità, luoghi di socializzazione, di espressione della cultura locale e di grande pregio economico, grazie alle antiche botteghe e vecchi mestieri che ancora custodiscono. La nostra azione di sostegno rivolta a questi luoghi e alla loro vivibilità nasce dalla profonda convinzione che la rinascita e la tradizionale vitalità dei mercati più antichi di Palermo possano servire da traino per la valorizzazione e lo sviluppo del Centro storico della città”.

Il provvedimento rientra nell’ambito del Piano generale del traffico urbano (PGTU), adottato dal Consiglio comunale nell’ottobre scorso e focalizza l’attenzione sulla realtà dei mercati storici, la cui presenza costituisce un elemento di forte vitalità per il vissuto delle aree in cui gli stessi si svolgono.

L’amministrazione comunale punta a rivalutare le realtà commerciali e sociali di questi mercati, e a dare agli stessi nuova linfa, eliminando le carenze che ne hanno condizionato in passato - e ne condizionano ancora – lo sviluppo. L’intento è quello di farli diventare sempre più motori attivi di uno sviluppo sostenibile della città, ove il turismo e la presenza di attività legate alla tradizione rappresentino un volano fondamentale per la vitalità, la vivibilità e l’attrattività di tali zone. Si tenterà di raggiungere tali obiettivi tentando di privilegiare la pedonalità e consentendo, ove possibile, una continuità dei percorsi pedonali e ciclabili.

Articolo pubblicato il 04 giugno 2014 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐