Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Caltanissetta - Giovanni Ruvolo apre le porte del Comune
di Annalisa Giunta

Battuto Giarratana ma non l’astensionismo. Al ballottaggio ha votato il 40,2% degli aventi diritto. Gesto simbolico del neo sindaco nisseno: “Amministrazione vicina a tutti”

Tags: Caltanissetta, Giovanni Ruvolo, Michele Giarratana



CALTANISSETTA - Il biologo Giovanni Ruvolo, 48 anni, è l’81° sindaco della città di Caltanissetta. Il candidato di Alleanza per la città ha infatti ottenuto il numero maggiore di voti al ballottaggio battendo con 14.471 preferenze, pari al 64,30% del totale, il suo avversario Michele Giarratana di “Caltanissetta protagonista”, il quale ha conquistato ottenuto 8.033 (35,7%). Un ballottaggio caratterizzato dalla bassa affluenza alle urne con appena il 40,2% dei votanti, ossia 23.014 su 57.180 elettori aventi diritto: un trend sinora mai registrato a Caltanissetta.

I partiti e i movimenti civici che hanno appoggiato la candidatura di Ruvolo - Pd, Udc, “Patto etico responsabile”, “Intesa civica 3esponsabile” e “Cambiare Caltanissetta” – hanno celebrato il neo sindaco in via Fra Giarratana, sede del comitato elettorale, dove Ruvolo è giunto in motocicletta.

“Partiremo subito – ha affermato Giovanni Ruvolo – per rilanciare il centro storico, così come abbiamo più volte ribadito durante la campagna elettorale. Anche per questo attiveremo l’Ufficio Europa, volto ad attrarre Fondi europei per far ripartire l’economia nel territorio. Guarderemo altresì alle fasce più deboli della città, che debbono sentire l’amministrazione comunale vicina e non lontana”.

Il neo sindaco si è poi soffermato anche sui bassissimi dati sull’affluenza. “Penso che questa – ha affermato - sia una caratteristica di questa tornata elettorale, sintomo della distanza creatasi tra politica e cittadini. Sono un sindaco espressione del ‘Polo civico’ e anche per questo ho voluto un nuovo modo di affrontare la vita politica, affinchè i cittadini si ritrovino a essere protagonisti. Amministreremo con voglia di rinnovare le modalità di governo della città: il nostro sarà un laboratorio politico con l’obiettivo di convincere i cittadini che la politica è una cosa nobile, capace di trovare un punto d’intesa sui problemi veri della città”.

Dopo i festeggiamenti nella sede del comitato elettorale, un corteo festoso guidato da Giovanni Ruvolo ha attraversato il centro storico sino ad arrivare dinnanzi al portone principale di Palazzo del Carmine, sede del Municipio. Qui il neo sindaco ha spalancato il portone principale del Comune, in un gesto simbolico che ha voluto ribadire come il Municipio sia la casa di tutti i cittadini.

Da registrare anche le dichiarazioni dello sconfitto Michele Giarratana, che ha riconosciuto la vittoria dell’avversario, pur senza disdegnare qualche punzecchiatura. “Giovanni Ruvolo – ha detto Giarratana - ha ottenuto un vittoria meritata. Ha vinto tre mesi fa, quando ha deciso di allearsi con i partiti. Una scelta che noi, fino all’ultimo, non abbiamo voluto fare. Ottomila nisseni ci hanno comunque dato fiducia e questo vuol dire che quelle idee proposte funzionavano veramente”.

“Caltanissetta - ha concluso - è una città che va amministrata bene. Auguro pertanto al nuovo sindaco di riuscire a lavorare a vantaggio dei cittadini, così come noi avremmo voluto fare”.

Articolo pubblicato il 11 giugno 2014 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus