Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

L'Isola balla, le Istituzioni dormono
di Rosario Battiato

Terremoti: nel 2013 ne sono stati registrati 459, 6 dei quali con magnitudo pari o oltre 4. 7 costruzioni su 10 a rischio. Gabrielli: morti causati da edifici che crollano perché non in regola. L’Ars non legifera

Tags: Terremoto, Sisma, Regione Siciliana



PALERMO - I terremoti non uccidono, perché a farlo sono gli edifici che collassano. Il messaggio di Gabrielli, capo della Protezione civile nazionale in visita in Sicilia in occasione della campagna di prevenzione "Io non rischio", sembra il classico coltello nella piaga di un patrimonio edilizio siciliano sempre meno adatto a fronteggiare l'eventualità di un sisma. Lo dicono i dati dell'Istat sull'età media delle nostre costruzioni e l'assenza di un'adeguata opera di messa in sicurezza. Non ci sono soldi a sufficienza, perché i contributi statali sono veramente goccioline in una tempesta che richiede un investimento complessivo di oltre 9 miliardi di euro. E il rischio non riguarda soltanto le abitazioni private, ma anche gli edifici strategici, come scuole e ospedali, che in teoria dovrebbero rappresentare le fortezze inespugnabili in cui trovare riparo e assistenza in caso di eventi calamitosi.

Articolo pubblicato il 17 giugno 2014 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐