Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Piano "Garanzia giovani", già 13.439 iscritti in Sicilia
di Redazione

Il programma è partito a maggio e riserva 187 mln € alla nostra Isola. Ma più di 6.000 hanno preferito iscriversi fuori regione

Tags: Garanzia Giovani, Lavoro



PALERMO - Sono finora 13.439 i giovani siciliani che hanno aderito a Garanzia Giovani, il Piano europeo (Youth Guarantee) per la disoccupazione giovanile partito a maggio scorso che riserva alla Sicilia 187 milioni di euro; 679 sono, invece, gli under 29 non residenti nell'Isola che hanno scelto la Sicilia per trovare un impiego, e 6.171 sono i siciliani che hanno preferito iscriversi fuori dalla regione.

A rendere note le cifre sono state a Catania le parlamentari democratiche Luisa Albanella, componente della Commissione permanente XI Lavoro alla Camera, e Concetta Raia, vicepresidente della Commissione Esame Attività Unione Europea all'Ars. “La Sicilia - ha detto Raia - potrà contare su ulteriori cento milioni di euro che arrivano dal Piano Giovani regionale che dovrebbe essere avviato entro 15 giorni. Il Piano giovani regionale è complementare a Garanzia Giovani e allarga l'età fino a 35 anni. La Regione avrà una funzione di coordinamento dell'organizzazione della 'rete' dei servizi pubblici per l'impiego e privati accreditati, l'attività di monitoraggio degli interventi, i servizi erogati, il numero e il profilo dei beneficiari, l'avanzamento della spesa”.
L'Europa ha previsto dei finanziamenti per i Paesi membri con tassi di disoccupazione superiori al 25% da investire in politiche di orientamento, istruzione, formazione e inserimento al lavoro a sostegno dei giovani.

“Nel Mezzogiorno d'Italia - ha detto Albanella - il dato sfiora addirittura il 60%. Ecco perché ci stiamo impegnando in questa campagna di informazione che coinvolga le decine di migliaia di ragazzi di età compresa tra i 15 e i 29 anni, residenti in Italia - cittadini comunitari o extra Ue, regolarmente soggiornanti - che non sono impegnati in un'attività lavorativa, né inseriti in un percorso scolastico o formativo, i neet”.

Articolo pubblicato il 18 giugno 2014 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus