Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Catania - Prototipi Stm monitoreranno edifici di Comune di Catania
di Redazione

A siglarlo sono stati il sindaco Enzo Bianco ed il vice presidente esecutivo della Stm alla presenza dell'assessore alla Protezione Civile Luigi Bosco del direttore del sito di Catania della Stm Francesco Caizzone

Tags: Enzo Bianco, Terremoto, Stm, Luigi Bosco, Protezione Civile



CATANIA - Per due anni due prototipi sperimentali della Stm rileveranno ogni minima variazione negli edifici e strutture comunali di Catania per integrare i dati per la prevenzione del rischio a largo raggio del territorio. È quanto prevede un protocollo d'intesa firmato stamane nel capoluogo etneo tra l'amministrazione comunale e l'azienda.
 
A siglarlo sono stati il sindaco Enzo Bianco ed il vice presidente esecutivo della Stm alla presenza dell'assessore alla Protezione Civile Luigi Bosco del direttore del sito di Catania della Stm Francesco Caizzone. Dopo la sperimentazione a Catania il dispositivo sarà usato per rilevazioni in altri strutture nazionali.
 
"Ancora una volta - ha detto Bianco - ringraziamo la Stmicroelettronics per la stretta collaborazione, già più volte dimostrata e sperimentata anche con l'Università per lo sviluppo dell'Etna Valley. Il rapporto continua anche nell'affrontare la prevenzione del rischio nella città".

"I prototipi - hanno affermato Cuomo e Caizzone - sono un prodotto siciliano, ideato e sviluppato dai nostri operatori. La sperimentazione può avere effetti a medio e lungo termine e, nel territorio, si potrebbe creare 'una catena di valore' con start up che integrino la rilevazione'". "Continua l’opera - ha detto Bosco - iniziata dall'amministrazione fin dal suo insediamento connessa al monitoraggio e verifica della sicurezza delle strutture pubbliche e private”.

Articolo pubblicato il 24 giugno 2014 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus