Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Sindaci inefficienti anche sulla Tasi
di Luca Mangogna

Aliquote non approvate in tempo, così lo Stato ci mette una pezza. E l’autonomia finanziaria va a farsi benedire. Soltanto 9 Comuni siciliani su 390 incasseranno direttamente il tributo

Tags: Tasi, Imu



PALERMO - Si parla spesso di autonomia finanziaria, della necessità di rendere i Comuni autosufficienti, in grado di garantire i servizi essenziali con entrate proprie e senza dover contare sempre sui trasferimenti da Stato e Regione.
Se ne parla tanto, ma quando poi queste chiacchiere si dovrebbero tramutare in atti concreti, i risultati sono a dir poco disastrosi.
Un esempio arriva dalla Tasi, le cui aliquote dovevano essere approvate dai Comuni entro il 26 maggio scorso. In Sicilia è stato un flop, con appena 9 Enti su 390 capaci di dare il via libera e procedere alla riscossione entro i tempi stabiliti.
Così, a compensare penserà ancora una volta, con delle anticipazioni, il Governo centrale: per i Comuni l’ennesima occasione sprecata per iniziare a contare soltanto sulle proprie forze.

Articolo pubblicato il 27 giugno 2014 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐