Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Razzi di Hamas, allertato l'aeroporto di Tel Aviv
di Redazione

Prosegue operazione israeliana “confine protettivo”, 100 palestinesi uccisi e 670 feriti il bilancio complessivo della “Operazione confine protettivo” lanciata da Israele contro la Striscia di Gaza

Tags: Gaza, Hamas, Israele, Tel Aviv



TEL AVIV - Sei palestinesi sono morti la scorsa notte a causa di due raid aerei israeliani sulla Striscia di Gaza. Altro sangue, dunque, in un contesto che si fa di giorno in giorno sempre più drammatico: è di 100 palestinesi uccisi (tra loro 22 di età compresa tra uno e 17 anni) e 670 feriti il bilancio complessivo della “Operazione confine protettivo” lanciata da Israele contro la Striscia di Gaza, secondo il ministero della Salute di Gaza.
 
Vanno avanti, intanto, i preparativi per un'operazione di terra: il portavoce dell'esercito israeliano Peter Lerner riferisce che sono state già spostate ai confini della Striscia tre brigate di fanteria e che nei prossimi giorni potrebbero essere spostate un'altra o due brigate. Per l'operazione “aspettiamo solamente una direttiva politica”, ha precisato il capo di Stato Maggiore dell'esercito israeliano, il generale Benny Gantz.

Hamas si dice “pronto a combattere per mesi”, aggiungendo che un cessate il fuoco dovrà comportare la rimozione del blocco di Gaza e la liberazione dei detenuti arrestati il mese scorso. Il leader di Hamas a Gaza, Ismail Haniye, rivolto a Israele, ha detto: “La nostra gente vincerà a prescindere dal numero di vittime e dalle minacce. Il nostro popolo è unito e sostiene la resistenza”.
 
Detto, fatto. L'ala militare del movimento islamista mette in guardia le compagnie aeree internazionali dai rischi che correrebbero nel proseguire i voli sull'aeroporto Ben Gurion di Tel Aviv. Il messaggio, riporta Ynet news, è rivolto “a tutte le compagnie aeree straniere con voli verso l'entità sionista”, e chiede di “fermare i voli alla luce dei pericoli che circondano l'aeroporto a causa della guerra”. Le Brigate al-Qassam, braccio armato di Hamas, hanno rivendicato, nel frattempo, il lancio di “quattro razzi M-75 (Qassam) contro l'aeroporto Ben Gurion: “L'attacco è una risposta ai crimini sionisti contro il nostro popolo e alla continua aggressione barbarica contro la Striscia di Gaza”. È la prima volta che l'aeroporto di Tel Aviv finisce nel mirino di un attacco con razzi.

Hamas ha rivendicato anche il lancio di nove razzi contro Ashdod. Ma i media israeliani parlano di un solo razzo che ha colpito una stazione di rifornimento ad Ashdod ferendo diverse persone: un uomo è in gravi condizioni. Due razzi sono stati lanciati anche dal sud del Libano colpendo, senza fare vittime, il nord di Israele: l'attacco è avvenuto nei pressi della città di Metullah e l'artiglieria israeliana (ora in allerta anche al nord) ha risposto.

Gli Stati Uniti si offrono di mediare per arrivare alla tregua. L'offerta è arrivata nel corso di una telefonata tra il presidente americano Barack Obama ed il premier israeliano Benyamin Netanyahu, nella quale il primo ha messo in guardia contro “un'ulteriore escalation e ha sottolineato la necessità per tutte le parti di fare il possibile per proteggere le vite dei civili e ripristinare la calma”.

La leadership dell'Autorità nazionale palestinese (Anp), in un comunicato, fa sapere che “la priorità massima è porre fine agli attacchi e giungere a un cessate il fuoco reciproco, concomitante e immediato per fermare lo spargimento di sangue e per tutelare l'alto interesse nazionale del popolo palestinese”. L'aggressione israeliana, aggiunge, “ha iniziato a prendere una piega pericolosa” con l'annuncio di un'operazione terrestre “che mira a scacciare i cittadini da ampie aree della Striscia dopo quattro sanguinosi giorni di bombardamento, distruzione e sterminio di massa di civili innocenti”. La leadership palestinese ritiene che “l'annuncio esplicito del premier israeliano (Benjamin Netanyahu, ndr) di rifiutare qualunque cessate il fuoco sia espressione della determinazione di Israele a portare avanti la carneficina commessa contro il nostro popolo”.

Articolo pubblicato il 11 luglio 2014 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus