Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Il buco della Sicilia sfiora i 24 miliardi
di Maria Rosaria Minà

Crediti incerti 5,4 mld; debiti Regione 6,4 mld, Comuni 6,5 mld, Province 1 mld, Ato 1 mld, Sanità 2,5 mld, altri 1 mld. Dal 2005 la Regione in derivati ha perso 59,7 milioni, di cui 41,6 solo nel 2013

Tags: Regione Siciliana, Corte Dei Conti



PALERMO - Numeri documentati dalla Relazione della Corte dei Conti al Rendiconto della Regione per l’anno 2014 e dai dati a disposizione dell’assessorato all’Economia relativi a Comuni, ex Province, aziende del Servizio sanitario regionale e altri enti, come Consorzi Asi, Iacp, etc. Tutti insieme costituiscono l’enorme buco della Sicilia che ha viaggiato di gran lunga al di sopra delle proprie possibilità.
Il dato più pericoloso è rappresentato da quelle somme scritte tra le entrate, la cui riscossione è considerata incerta, ben 5,4 miliardi. Essi rappresentano un terzo dei 15 miliardi di residui attivi della Regione, precisamente crediti accertati, ma non riscossi. E poi ci sono 18,4 miliardi di debiti, mettendo insieme quelli di Regione, Comuni, ex Province, Aziende sanitarie e altri enti.

Articolo pubblicato il 15 luglio 2014 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus