Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Pil 2008-13, Sicilia la peggiore -14%
di Serena Giovanna Grasso

Dati Istat e Banca d’Italia: il crollo negli ultimi sei anni nella nostra Isola è doppio rispetto alla media Italia (-8%). Mentre Lombardia -5,14%, Emilia Romagna -6,50%, Piemonte -8,30%

Tags: Pil, Economia, Sicilia, Istat, Banca D'italia



Nella nostra Isola c’è il livello di povertà più alto d’Italia, infatti negli ultimi sei anni (2008-2013) il Prodotto interno lordo è diminuito di 14 punti percentuali mentre nel resto del Paese la media della retrocessione è stata di otto punti percentuali.
Nel Nord Ovest i numeri poi sono ancora meno preoccupanti (-5,44%) con la Lombardia che resiste più di tutte le regioni alla crisi (-5,14%). Il Nord-Est si difende (-6,38%) con l’operosa Emilia Romagna (-6,5%). Ma cosa succederà nel 2014? Le stime di Unioncamere-Prometeia hanno inquadrato Lombardia, Emilia e Piemonte come le “lepri d’Italia” perché queste sono le regioni che a fine dicembre 2013 sono state previste come alla guida della ripresa dell’economia nazionale. In verità, però, proprio nei giorni scorsi il Bollettino della Banca d’Italia ha rivisto le stime di crescita del Pil portandole a +0,2 % nel 2014, anzicchè + 0,7% e la Sicilia, come al solito, sarà la regione più in difficoltà, perché i governanti non hanno di fatto messo in opera gli strumenti per la ripresa.

Articolo pubblicato il 22 luglio 2014 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐